ATOSSISCLEROL
torna all'INDICE farmaci


Google  CERCA FARMACI NEL SITO

  www.carloanibaldi.com

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE
05.1 Propriet� farmacodinamiche
05.2 Propriet� farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilit�
06.3 Periodo di validit�
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO
10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -[Vedi Indice].

Atossisclerol 0,25%��������������������� soluzione iniettabile per uso endovenosoAtossisclerol 0,5%��������������������� �soluzione iniettabile per uso endovenosoAtossisclerol 1%�������������������������� soluzione iniettabile per uso endovenosoAtossisclerol 2%�������������������������� soluzione iniettabile per uso endovenosoAtossisclerol 3%�������������������������� soluzione iniettabile per uso endovenoso�

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - [Vedi Indice].

Atossisclerol 0,25%������������������ soluzione iniettabile per uso endovenoso Una fiala da 2 ml contiene:Principio attivo: polidocanolo 5 mgAtossisclerol 0,5% Una fiala da 2 ml contiene:Principio attivo: polidocanolo 10 mgAtossisclerol 1% Una fiala da 2 ml contiene:Principio attivo: polidocanolo 20 mgAtossisclerol 2% Una fiala da 2 ml contiene:Principio attivo: polidocanolo 40 mgAtossisclerol 3% Una fiala da 2 ml contiene:Principio attivo: polidocanolo 60 mgPer gli eccipienti, vedere il punto 6.1�

03.0 FORMA FARMACEUTICA - [Vedi Indice].

Soluzione iniettabile per uso endovenoso�

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - [Vedi Indice].

04.1 Indicazioni terapeutiche - [Vedi Indice].

Atossisclerol 0,25% e 0,5% - Terapia sclerosante di piccole varici con un diametro inferiore a 1 mm (varici reticolari) e di teleangectasie.Atossisclerol 1% - Terapia sclerosante di piccole varici con un diametro di 1 a 3 mm (varici reticolari) e del ramo centrale delle teleangectasie.Atossisclerol 2% - Terapia sclerosante di varici medio calibro con un diametro da 2 a 4 mm.Atossisclerol 3% - Terapia sclerosante di varici medio calibro con un diametro da 4 a 8 mm e di emorroidi (di primo e secondo grado).�

04.2 Posologia e modo di somministrazione - [Vedi Indice].

In generale la dose di polidocanolo non dovrebbe eccedere 2 mg per kg del peso corporeo del paziente (per un paziente di kg 70 significa quindi un dosaggio di 56 ml di Atossisclerol 0,25%, 25 ml di Atossisclerol 0,5%, 14 ml di Atossiscerol 1% , 7 ml di Atossisclerol 2% e 4,6 ml di Atossisclerol 3%).Durante il primo trattamento ai pazienti inclini a reazioni allergiche iniettare una sola iniezione.
Se non subentra nessuna forma allergica e a seconda della dimensione dell�area da sclerosare, si possono iniettare pi� iniezioni, senza superare il dosaggio massimo consigliato:Piccole varicia seconda della dimensione delle varici iniettare all�interno del vaso 0,1 � 0,3ml di Atossisclerol 0,25% o 0,5%.Teleangectasiea seconda dell�area da sclerotizzare iniettare per via intravasale 0,1 � 0,2 ml di Atossisclerol 0,25% - 0,5% - 1%.Varici di medio e grosso calibroiniettare per via intravasale 0,5 � 1 ml di Atossisclerol 2% - 3% .Eseguire l�iniezione a paziente orizzontale con arto sollevato di ca 30-45� previa disinfezione della zona interessata, iniettare Atossisclerol all�interno della vena, utilizzando aghi sottilissimi (14-17 G), e siringhe da 2 ml, mantenendoli quasi paralleli alla cute.
Comprimere la zona di inoculazione per circa 1 minuto.Dopo applicazione di un cerotto protettivo sulla sede dell�iniezione, l�arto deve essere assoggettato ad una sufficiente compressione elastica, in seguito il paziente dovrebbe camminare per 30 minuti, possibilmente nelle vicinanze dello studio medico.
La fasciatura deve essere portata per 2-3 giorni (piccoli vasi) e per 4-6 settimane (medi e grossi vasi).
Nei casi di vaste zone sclerotizzate si consiglia un bendaggio elasto-compressivo.
Si sono ottenuti buoni risultati aumentando la compressione nel punto dell�iniezione mediante un rotolino di ovatta odontoiatrica.
L�efficacia della scleroterapia dipende molto dal successivo trattamento di compressione.
Per questo si deve fasciare l�arto sempre sollevato e deve essere rifasciato al momento di mettersi in piedi anche se per breve tempo.�

04.3 Controindicazioni - [Vedi Indice].

Ipersensibilit� verso uno qualsiasi dei componenti del medicinale La terapia sclerosante di varici e di teleangectasie � controindicata nei casi di degenze a letto, disturbi di circolazione arteriosa (occlusione arteriosa di III e di IV grado).A seconda della gravit� delle condizioni la scleroterapia pu� essere controindicata nei casi di:occlusioni superficiali e soprattutto occlusioni venose profonde (trombosi).Edemi con ritenzione idrica (edema alle gambe) se non trattate con compressioneSintomi di occlusione di piccoli o piccolissimi vasi a causa del diabete (microangioterapia diabetica)Malattie acute e croniche del cuore (endocarditi e miocarditi); la terapia sclerosante non � controindicata nell�insufficienza cardiaca, trattata con specifica terapia preventiva.
Lo stesso vale anche per l�ipertensione se curata specificatamente.Stati febbriliDisturbi arteriosi (trombosi di II grado) nel trattamento cosmetico.Et� avanzata con disturbi motori e uno stato di salute generale non buonoAttacchi di asma bronchialeGravidanza nei primi tre mesi e dopo la 36� settimana di gestazione.�

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - [Vedi Indice].

Le iniezioni devono essere effettuate da un medico esperto.
L�iniezione fuori dalla vena pu� provocare necrosi.Gli sclerosanti non possono essere iniettati in arteria in quanto possono provocare gravi necrosi, che potrebbero portare ad amputazione.
Se si dovesse verificare un incidente del genere consultare immediatamente un chirurgo vascolare.Il medicinale contiene 5 vol% di etanolo.
Ogni fiale contiene 0,08 g circa di etanolo.
Usare con cautela in caso di malattie epatiche, alcolismo, epilessia, danni o patologie cerebrali, intolleranze all�etanolo, trattamento con medicinali che provocano una reazione antabuse, nei bambini ed in caso di gravidanza.
L�etanolo pu� modificare o aumentare gli effetti di altri medicinali.�

04.5 Interazioni - [Vedi Indice].

Il principio attivo polidocanolo � anche un anestetico locale; se somministrato contemporaneamente ad altri anestetici esiste il pericolo di un potenziamento dell�effetto anti-aritmico.�

04.6 Gravidanza e allattamento - [Vedi Indice].

L�uso � controindicato nei primi tre mesi di gravidanza e dopo la 36� settimana di gestazione.�

04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine - [Vedi Indice].

Non sono stati osservati effetti sulla capacit� di guidare veicoli e di usare macchinari.�

04.8 Effetti indesiderati - [Vedi Indice].

Tra i vari effetti collaterali la iperpigmentazione � il pi� frequente.
Possono insorgere inoltre periflebiti superficiali e necrosi locali; reazioni cutanee allergiche, raramente shock allergici o reazioni asmatiche.In casi sporadici, in seguito a disturbi psico-somatici, si sono riscontrate reazioni passeggere quali collasso, vertigini, difficolt� respiratorie e sensazione di oppressione toracica, malessere, disturbi visivi e sensoriali, percezione di sapore metallico.�

04.9 Sovradosaggio - [Vedi Indice].

Non sono stati riportati casi di sovradosaggio.�

05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE - [Vedi Indice].

05.1 Propriet� farmacodinamiche - [Vedi Indice].

Categoria farmacoterapeutica: vasoprotettori, sostanze sclerosanti per iniezioni locali.
Codice ATC: C05BB02.Il polidocanolo agisce come un anestetico di contatto e provoca, una sclerosi efficace e durevole.
La sclerosi di una varice si pu� ottenere attraverso la stimolazione e la lesione dell�intima � primi stadi di un processo artificialmente indotto che attraverso la tromboflebite e la proliferazione connettivale porter� alla cicatrizzazione � con sostanze irritanti agenti con meccanismo d�azione di tipo chimico ed osmotico o combinato.
Il polidocanolo agisce per via prevalentemente chimica; il polidocanolo � infatti un tensioattivo ed il suo punto principale di attacco sono i lipoidi della superficie cellulare, che caratterizzano anche il tipo di lesione che esso provoca all�intima parete venosa.
Dato l�alto peso molecolare (600) l�azione lesiva sulla intima � selettiva.
A basse concentrazioni maggiori, agisce anche sull�intima integra.
Il polidocanolo determina una sclerotizzazione delle varici di ogni calibro, anche di quelle dell�esofago, di emangiomi ed emorroidi.
Oltre all�effetto lesivo sull�endotelio, il polidocanolo ha un effetto anticoagulante dimostrato, che dipende dall�azione di denaturazione delle proteine; quest�azione fa si che la formazione di trombi venga dapprima bloccata; successivamente avviene una crescita regolare del trombo che dura 7 giorni.
Mediante appropriati bendaggi le pareti venoso vengono compresse fra loro, per cui � impedita la ricanalizzazione del trombo organizzato.
In questo modo si verifica la trasformazione desiderata della vena in un cordone cicatriziale fibroso da sfilare.Il polidocanolo ha inoltre propriet� anestetizzanti che lo avvicina agli anestetici di superficie pi� noti (benzocaina, procaina).�

05.2 Propriet� farmacocinetiche - [Vedi Indice].

Un farmaco sclerosante deve presentare un�affinit� specifica per la parete venosa, raggiungere gi� in piccole dosi un buon effetto di sclerosi, e per quanto possibile, non dare luogo a reazioni allergiche o anafilattiche e soprattutto a necrosi.
Il polidocanolo corrisponde a quanto richiesto ad una terapia sclerosante.�

05.3 Dati preclinici di sicurezza - [Vedi Indice].

La tossicit� acuta di Atossisclerol � stata valutata in topi, dei due sessi.
La DL 50 a 24 ore dopo somministrazione � risultata di circa 0,6g/kg.
La DL50 dopo somministrazione per via intraperitoneale ha dato un valore di 0,2g/kg dopo 2 ore.
L�intossicazione acuta nel topo porta a morte l�animale per paralisi respiratoria, il quadro di intossicazione ha un tempo di latenza di 5� � 10� dopo somministrazione sottocutanea, 3� per somministrazione intraperitoneale, ed assente per somministrazione intravenosa.
Nel coniglio la DL50 per l�Atossisclerol, dato per via intravenosa, � risultata di 10 mg/kg.
Nel cane il quadro di intossicazione acuta, simile a quello osservato nel topo e nel coniglio, si manifesta con un dosaggio di 50 mg/kg.
Anche nel cane come nel topo e nel coniglio, la restitudo ad integrum, dopo intossicazione acuta, � completa.
Le prove di tossicit� cronica condotte nel coniglio (10-20 mg/kg di Atossisclerol somministrato per via sottocutanea per 4 settimane) hanno segnalato, a livello istologico: - un�atrofia semplice di fegato, surreni e della muscolatura cardiaca e scheletrica (con 10 mg/kg);� - un impoverimento dei grassi ed una aumentata siderosi, con un dosaggio di 20 mg/kg.Il polidocanolo ha sulla pressione arteriosa, dopo somministrazione endovenosa nel gatto intatto in narcosi, gli stessi degli altri analgesici di confronto (Novocaina, Xilocaina) e cio� un transitorio abbassamento ed una normalizzazione entro 80�-120�.
L�influenza sul respiro � molto modesta ed interessa sola la frequenza.�

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - [Vedi Indice].

06.1 Eccipienti - [Vedi Indice].

etanolo 96%, fosfato di sodio bibasico diidrato, fosfato di potassio monobasico, acqua per preparazioni iniettabili.�

06.2 Incompatibilit� - [Vedi Indice].

Non descritte.�

06.3 Periodo di validit� - [Vedi Indice].

5 anni�

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - [Vedi Indice].

Nessuna speciale precauzione per la conservazione.�

06.5 Natura e contenuto della confezione - [Vedi Indice].

Fiale in vetro incolore classe 1 contenenti ciascuna 2 ml di prodotto.Confezioni da 5 fiale.�

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - [Vedi Indice].

Nessuna particolare.�

07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

Chemische Fabrik Kreussler & Co GmbHRheingaustrasse 85-93D-65203 Wiesbaden (Germania)�Rappresentante per l�Italia GLORIA MED PHARMA SRL Via Diaz, 7 22017 Menaggio (Como) Tel.
0344 30212 Fax 0344 31713 E-mail info@gloria-med-pharma.com��

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

Atossisclerol 0,25% soluzione iniettabile per uso endovenoso, 5 fiale da 2 ml AIC n.
022199095Atossisclerol 0,5% soluzione iniettabile per uso endovenoso, 5 fiale da 2 ml AIC n.
022199018Atossisclerol 1% soluzione iniettabile per uso endovenoso, 5 fiale da 2 ml AIC n.
022199032Atossisclerol 2% soluzione iniettabile per uso endovenoso, 5 fiale da 2 ml AIC n.
022199057Atossisclerol 3% soluzione iniettabile per uso endovenoso, 5 fiale da 2 ml AIC n.
022199071.�

09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO - [Vedi Indice].

----- �

10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - [Vedi Indice].

31.05.2000.�

11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90 - [Vedi Indice].

----- �

12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - [Vedi Indice].

----- �

 

home

 


Ultimo aggiornamento: 15/12/2012
carloanibaldi.com - Copyright � 2000-2012 - Anibaldi.it@Network - Tutti i diritti riservati.
[http://www.carloanibaldi.com/terapia/schede/summary.htm]