CASPOFUNGIN 70
torna all'INDICE farmaci


Google  CERCA FARMACI NEL SITO

  www.carloanibaldi.com

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE
05.1 Proprietà farmacodinamiche
05.2 Proprietà farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilità
06.3 Periodo di validità
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO
10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -[Vedi Indice].

  - [Vedi Indice] CASPOFUNGIN 70 MG ?

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - [Vedi Indice].

Ciascun flaconcino contiene Caspofungin 70?mg equivalente a caspofungin acetato 77,7?mg.Per gli eccipienti, vedere 6.1?

03.0 FORMA FARMACEUTICA - [Vedi Indice].

Polvere per concentrato per soluzione per infusione endovenosa.Il flaconcino contiene una polvere liofilizzata, compatta, di colore bianco-biancastro.?

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - [Vedi Indice].

04.1 Indicazioni terapeutiche - [Vedi Indice].

Trattamento della aspergillosi invasiva in pazienti adulti refrattari o intolleranti alla terapia con amfotericina B, complesso lipidico di amfotericina B e/o itraconazolo.Si definisce refrattario al trattamento il paziente in cui l’infezione progredisce o non migliora dopo un minimo di 7 giorni di trattamento con dosi curative di terapia antimicotica efficace.?

04.2 Posologia e modo di somministrazione - [Vedi Indice].

La terapia con Caspofungin MSD deve essere avviata da un medico esperto nel trattamento delle infezioni micotiche invasive.Dopo ricostituzione e diluizione, la soluzione deve essere somministrata per infusione endovenosa lenta in circa 1 ora.
Non mescolare o somministrare nella stessa via endovenosa Caspofungin MSD con altri medicinali poiché non ci sono dati disponibili sulla compatibilità di Caspofungin MSD con altre sostanze, additivi o medicinali per uso endovenoso.
NON USARE DILUENTI CONTENENTI GLUCOSIO, poiché Caspofungin MSD non e’ stabile in diluenti contenenti glucosio.
Per istruzioni sulla ricostituzione vedere paragrafo 6.6.Una dose singola di carico da 70?mg deve essere somministrata nel primo giorno di trattamento seguita quindi da 50?mg al giorno.
Per pazienti con peso corporeo superiore agli 80 kg si raccomanda, una volta somministrata la dose iniziale di carico di 70?mg, di proseguire con 70?mg al giorno di Caspofungin MSD (vedere paragrafo 5.2).
Sono disponibili entrambi i flaconcini da 70?mg e da 50?mg.La durata del trattamento va valutata caso per caso e deve essere basata sulla gravità della patologia di base del paziente, sull’entità del miglioramento clinico dell’immunosoppressione e sulla risposta clinica.
In generale, il trattamento deve continuare per almeno 7 giorni dopo la risoluzione dei sintomi.Nei pazienti anziani (65?anni di età e oltre), l’area sotto la curva (AUC) è aumentata di circa il 30?%.
Non si richiede tuttavia un aggiustamento sistematico del dosaggio.
L’esperienza con il trattamento in pazienti di età uguale o superiore ai 65?anni è limitata.Non è necessario alcun aggiustamento del dosaggio in base a sesso, razza, o alterata funzione renale (vedere paragrafo 5.2).Per l’insufficienza epatica di grado lieve (punteggio di Child-Pugh da 5 a 6), non è necessario alcun aggiustamento del dosaggio.
Per l’insufficienza epatica moderata (punteggio di Child-Pugh da 7 a 9 ), dopo la dose di carico iniziale da 70?mg si raccomanda di somministrare 35?mg di Caspofungin MSD al giorno.
Non sono disponibili dati clinici riguardo all’insufficienza epatica grave (punteggio di Child-Pugh maggiore di 9) (vedere paragrafo 4.4).Il caspofungin acetato non è stato studiato in pazienti pediatrici.
L’uso in pazienti sotto i 18?anni di età non è raccomandato.Dati limitati suggeriscono un aumento del dosaggio giornaliero di Caspofungin MSD fino a 70?mg, dopo la normale dose di carico da 70?mg quando Caspofungin MSD viene somministrato in concomitanza ad alcuni induttori degli enzimi metabolici (vedere paragrafo 4.5).?

04.3 Controindicazioni - [Vedi Indice].

Ipersensibilità a caspofungin acetato o ad uno qualsiasi degli eccipienti.?

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - [Vedi Indice].

L’uso concomitante di Caspofungin MSD con ciclosporina deve essere limitato a quei pazienti in cui i benefici potenziali superano i rischi potenziali (vedere paragrafo 4.5).
Alcuni volontari sani che hanno ricevuto due dosi di ciclosporina da 3?mg/kg con caspofungin hanno mostrato aumenti transitori della alanina transaminasi (ALT) e aspartato transaminasi (AST) inferiori o uguali a 3 volte il limite superiore della norma (LSN), che si sono risolti con la sospensione del trattamento.
In caso di somministrazione concomitante di Caspofungin MSD e ciclosporina si deve optare per un attento monitoraggio degli enzimi epatici.In pazienti con insufficienza epatica lieve e moderata, l’AUC è aumentato di circa il 20 ed il 75?%, rispettivamente.
Si raccomanda un dose di mantenimento ridotta nell’insufficienza epatica moderata.
Non vi sono dati clinici sull’insufficienza epatica grave.
E’ prevedibile una esposizione maggiore rispetto a quella dell’insufficienza epatica moderata e Caspofungin MSD deve essere usato con cautela in questi pazienti (vedere paragrafi 4.2 e 5.2).Le informazioni sulla sicurezza per trattamenti di durata superiore alle 2 settimane sono limitati.
I dati disponibili indicano tuttavia che caspofungin continua ad essere ben tollerato per periodi di trattamento più estesi (68 pazienti sono stati trattati da 15 a 60 giorni; 12 pazienti sono stati trattati da 61 a 162 giorni).?

04.5 Interazioni - [Vedi Indice].

Gli studiin?vitro mostrano che caspofungin acetato non è un inibitore di alcun enzima del sistema del citocromo P450 (CYP).
Negli studi clinici, caspofungin non ha indotto il metabolismo di altri medicinali mediato dal CYP3A4.
Caspofungin non è un substrato della glicoproteina P ed ha una debole azione di substrato per gli enzimi del citocromo P450.
E’ stato tuttavia dimostrato in studi clinici e farmacologici che caspofungin interagisce con altri medicinali (vedere più avanti).In due studi clinici condotti in soggetti sani, la ciclosporina A (1 dose da 4?mg/kg o 2?dosi da 3?mg/kg a distanza di 12 ore) ha aumentato la AUC del caspofungin di circa il 35?%.
Questi aumenti della AUC sono probabilmente dovuti alla ridotta captazione di caspofungin da parte del fegato.
Caspofungin MSD non ha aumentato i livelli plasmatici di ciclosporina.
Quando Caspofungin MSD è stato somministrato insieme alla ciclosporina, sono stati osservati incrementi transitori delle ALT e AST epatiche minori o uguali a 3 volte i limiti superiori della norma (LSN), che si sono risolti con l’interruzione della terapia.
Pertanto,in assenza di dati sulla somministrazione concomitante di ciclosporina A e caspofungin nei pazienti, l’uso concomitante di caspofungin e ciclosporina A deve essere attualmente limitato.
In caso di somministrazione concomitante dei due medicinali si deve optare per un attento monitoraggio degli enzimi epatici.Caspofungin MSD ha ridotto del 26?% la concentrazione minima di tacrolimus.
Per i pazienti che ricevono entrambe le terapie si raccomanda il monitoraggio standard delle concentrazioni ematiche di tacrolimus e gli aggiustamenti appropriati di dosaggio di tacrolimus.Rifampicina ha causato un aumento del 60?% nell’AUC ed un aumento del 170?% nella concentrazione minima di caspofungin al primo giorno di somministrazione concomitante quando la terapia con i due medicinali è stata iniziata contemporaneamente.
I livelli minimi di caspofungin sono diminuiti gradualmente dopo somministrazione ripetuta.
Rifampicina ha avuto un effetto limitato sull’AUC dopo due settimane di somministrazione ma i livelli minimi sono risultati minori del 30?% rispetto ai soggetti ai quali è stato somministrato caspofungin da solo.
Il meccanismo alla base dell’interazione potrebbe in qualche modo essere dovuto ad una inibizione iniziale ed alla susseguente induzione di proteine di trasporto.
Si può prevedere un effetto simile per altri medicinali che inducono enzimi metabolici.
Dati limitati di farmacocinetica di popolazione indicano che l’uso concomitante di Caspofungin MSD con gli induttori efavirenz, nevirapina, rifampicina, dasametasone, fenitoina o carbamazepina, ha determinato una diminuzione dell’AUC di caspofungin.
Nel caso di somministrazione concomitante di induttori degli enzimi metabolici si deve prendere in considerazione un aumento del dosaggio giornaliero di Caspofungin MSD a 70?mg, dopo la dose di carico usuale di 70?mg (vedere paragrafo 4.2).Caspofungin non ha influenzato la farmacocinetica di amfotericina B, itraconazolo e micofenolato mofetile.
Sebbene i dati di sicurezza siano limitati, non sembra siano necessarie speciali precauzioni quando amfotericina B, itraconazolo e micofenolato mofetile vengono somministrati insieme a caspofungin.?

04.6 Gravidanza e allattamento - [Vedi Indice].

Non disponibili dati clinici sull’esposizione in gravidanza con Caspofungin MSD.
Caspofungin non deve essere usato durante la gravidanza a meno che non sia chiaramente necessario.Non ci sono dati adeguati sull’uso di caspofungin nelle donne in gravidanza.
Studi sull’accrescimento negli animali hanno mostrato la presenza di eventi avversi (vedere paragrafo 5.3).
Negli studi sull’animale, è stato dimostrato che caspofungin attraversa la barriera placentare.
Non è noto il rischio potenziale per il feto umano.Caspofungin è escreto nel latte di animali durante l’allattamento.
Non è noto se caspofungin sia escreto nel latte umano.
Le donne che assumono caspofungin non devono allattare.?

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine - [Vedi Indice].

Non sono disponibili dati riguardo agli effetti di Caspofungin MSD sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari.?

04.8 Effetti indesiderati - [Vedi Indice].

Il numero totale di pazienti trattati con Caspofungin MSD 70 e 50?mg è stato di 312 (69 con aspergillosi invasiva refrattaria o intollerante ad altre terapie, e 243 con infezioni daCandida).I pazienti nello studio sull’aspergillosi erano seriamente malati e avevano complesse patologie di base.
Si sono verificate reazioni avverse con una certa frequenza: il 14,4?% dei pazienti hanno manifestato reazioni avverse ritenute correlate alla terapia con caspofungin.
Nei 69 pazienti con aspergillosi invasiva refrattaria o intollerante ad altre terapie, sono state osservate le seguenti reazioni avverse con un’incidenza maggiore del 2?%: febbre (2,9?%), complicazioni a carico della vena in infusione (2,9?%), nausea (2,9?%), vomito (2,9?%), e vampate di calore (2,9?%).
Fra i 312 pazienti ai quali è stato somministrato Caspofungin MSD 50 o 70?mg negli studi clinici,la reazione avversa più frequente riportata a livello localizzato, al sito di iniezione, è stata la flebite.
Altre reazioni localizzate sono state eritema, dolore/dolorabilità, prurito, secrezione e sensazione di bruciore.
In studi comparativi, si è verificata flebite/tromboflebite con un’incidenza di 12?% e 22?% in pazienti trattati, rispettivamente, con caspofungin 50?mg e amfotericina 0,5?mg/kg (vedere più avanti).
In questa popolazione di pazienti sono stati inoltre riportati edema polmonare, sindrome da sofferenza respiratoria acuta dell’adulto (ARDS) ed infiltrati radiografici.Le anormalità cliniche e di laboratorio riportate nel totale dei pazienti trattati con Caspofungin MSD (312 pazienti) sono state tipicamente lievi ed hanno raramente condotto alla interruzione della terapia.

Comune Generale Febbre, cefalea, dolore addominale, dolore
(> 1/100) Apparato Gastrointestinale Nausea, diarrea, vomito
Fegato Elevati livelli di enzimi epatici (AST, ALT, fosfatasi alcalina)
Sangue Anemia (diminuzione dell’emoglobina e dell’ematocrito)
Vascolare periferico Flebite/tromboflebite, complicanze a carico della vena in infusione
Cute Rash, prurito

Negli studi clinici sono stati riportati possibili sintomi mediati dal rilascio di istamina incluse segnalazioni isolate di rash, gonfiore del viso, prurito o sensazione di calore.
E’ stato segnalato un caso di anafilassi caratterizzato da dispnea, stridore e peggioramento del rash durante la somministrazione iniziale di caspofungin.Valori di laboratorio: Altre alterazioni dei valori di laboratorio segnalate sono state bassi livelli di albumina, bassi livelli di potassio, diminuzione dei leucociti, aumento degli eosinofili, basso livello di piastrine, diminuzione dei neutrofili, aumento della quantità di emazie nelle urine, aumento del tempo di tromboplastina parziale, diminuzione delle proteine sieriche totali, aumento delle proteine urinarie, aumento del tempo di protrombina, bassi livelli di sodio, aumento dei leucociti nelle urine, aumento e diminuzione dei livelli di calcio.?

04.9 Sovradosaggio - [Vedi Indice].

Non sono stati riportati casi di sovradosaggio.
Caspofungin non è dializzabile.?

05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE - [Vedi Indice].

05.1 Proprietà farmacodinamiche - [Vedi Indice].

Categoria farmacoterapeutica: antimicotici per uso sistemico, codice ATC: J 02 AX 04Caspofungin acetato è un lipopeptide semisintetico (echinocandina) sintetizzato da un prodotto di fermentazione di Glarea lozoyensis.
Caspofungin acetato inibisce la sintesi del beta (1,3)-D-glucano, un componente essenziale della parete cellulare di molti funghi filamentosi e lieviti.
Il beta (1,3)-D-glucano non è presente nelle cellule dei mammiferi.L’attività fungicida di caspofungin è stata dimostrata contro i lieviti del genereCandida.
Studiin?vitro edin?vivo dimostrano che l’esposizione diAspergillus a caspofungin dà luogo a lisi e morte delle estremità delle ife apicali e dei punti di ramificazione dove hanno luogo crescita e divisione cellulare.Caspofungin possiede attivitàin?vitro nei confronti delle specie diAspergillus(Aspergillus fumigatus [N?=?69, Aspergillus flavus [N?=?91], Aspergillus niger [N?=?31], Aspergillus nidulans [N?=?8] eAspergillus terreus [N?=?50]) e delle specie di Candida (Candida albicans, Candida dubliniensis, Candida glabrata, Candida guilliermondii, Candida kefyr, Candida krusei, Candida lipolytica, Candida lusitaniae eCandida parapsilosis), inclusi gli isolati con mutazioni di trasporto con resistenza multipla e quelli con resistenza acquisita o intrinseca a fluconazolo, amfotericina B e 5-flucitosina.
I test di sensibilità sono stati eseguiti in base a modifiche ad entrambi i metodi M38-P del National Committee for Clinical Laboratories Standards (NCCLS) (per le specie di Aspergillus) e M27-A (per le specie diCandida).
Non sono tuttavia state riconosciute tecniche standardizzate per testare la sensibilità agli agenti antifungini, inclusi gli inibitori della sintesi del beta (1,3)-D-glucano, ed i risultati degli studi di sensibilità non sono necessariamente correlati con gli esiti clinici.
Non è stato studiato lo sviluppo della resistenzain vitro a caspofungin da parte diAspergillus sp..
Nel corso di limitate esperienze cliniche, non è stata osservata resistenza a caspofungin in pazienti con aspergillosi invasiva.
L’incidenza della resistenza a caspofungin in vari isolati clinici diAspergillus non è nota.Sono stati arruolati in uno studio non comparativo in aperto 69 pazienti adulti (età compresa tra 18 e 80?anni) con aspergillosi invasiva per valutare la sicurezza, la tollerabilità e l’efficacia di caspofungin.
I pazienti arruolati erano o refrattari (malattia in evoluzione o mancato miglioramento con altre terapie antifungine somministrate per almeno 7 giorni) (84?% dei pazienti arruolati) o intolleranti (16?% dei pazienti arruolati) ad altre terapie antifungine standard.
La maggior parte dei pazienti presentava patologie di base (ematopatie maligne [N?=?24], trapianto allogenico del midollo o trapianto di cellule staminali [N?=?18], trapianto d’organo [N?=?8], tumore solido [N?=?3] o altre patologie [N?=?10]).
Per la diagnosi di aspergillosi invasiva e per la risposta alla terapia (per una risposta favorevole era necessario un miglioramento clinicamente significativo sia nelle immagini radiografiche che nei segni e nei sintomi) sono state usate definizioni rigorose, formulate seguendo le indicazioni del Mycoses Study Group Criteria.
La durata media della terapia è stata di 33,7 giorni, con una variabilità fra 1 e 162 giorni.
Un comitato indipendente di specialisti ha valutato che il 41?% (26/63) dei pazienti ai quali era stata somministrata almeno una dose di caspofungin ha risposto in modo favorevole.
Tra i pazienti ai quali era stato somministrato caspofungin per più di 7 giorni, il 50?% (26/52) ha avuto una risposta favorevole.
I tassi di risposta favorevole per i pazienti refrattari od intolleranti alle terapie precedenti sono stati del 36?% (19/53) e del 70?% (7/10), rispettivamente.Sebbene in 5 pazienti arruolati come refrattari le dosi delle terapie antifungine precedenti fossero inferiori a quelle spesso somministrate per il trattamento dell’aspergillosi invasiva, il tasso di risposte favorevoli durante la terapia con caspofungin in questi pazienti è risultato simile a quello osservato negli altri pazienti refrattari (2/5vs 17/48, rispettivamente).
I tassi di risposta favorevole fra i pazienti con malattia polmonare ed extrapolmonare sono stati del 47?% (21/45) e del 28?% (5/18), rispettivamente.
Fra i pazienti con malattia extrapolmonare, hanno avuto una risposta favorevole anche 2 su 8 pazienti con coinvolgimento del SNC certo, probabile o possibile.?

05.2 Proprietà farmacocinetiche - [Vedi Indice].

DistribuzioneIl caspofungin si lega ampiamente all’albumina (circa il 97?%).
La distribuzione gioca un ruolo prominente nella farmacocinetica plasmatica di caspofungin ed è la fase critica di passaggio in entrambe le fasi di disposizione alfa e beta.
La distribuzione tissutale ha raggiunto il picco ad 1,5 e 2 giorni dopo la dose quando il 92?% della dose era distribuita all’interno dei tessuti.E’ probabile che solo una piccola parte del caspofungin assorbita dai tessuti torni successivamente nel plasma come composto immodificato.
Di conseguenza, l’eliminazione avviene in assenza di un equilibrio di distribuzione ed una stima reale del volume di distribuzione di caspofungin è attualmente impossibile da ottenere.MetabolismoCaspofungin va incontro ad un processo spontaneo di degradazione in composto ad anello aperto.
Il metabolismo successivo comprende idrolisi peptidica ed N-acetilazione.
Due prodotti intermedi, formati durante la degradazione di caspofungin a tale composto ad anello aperto, formano addotti covalenti alle proteine plasmatiche determinando un legame di basso livello, irreversibile, alle proteine plasmatiche.Studiin?vitro mostrano che caspofungin non è un inibitore degli enzimi 1A2, 2A6, 2C9, 2C19, 2D6 o 3A4 del citocromo P450.
Negli studi clinici il caspofungin non ha indotto o inibito il metabolismo di altri medicinali mediato dal citocromo CYP3A4.
Caspofungin non è un substrato della glicoproteina P e ha scarsa attività di substrato per gli enzimi del citocromo P450.Eliminazione ed escrezioneL’eliminazione di caspofungin dal plasma è lenta con una clearance di 10-12?ml/min.
Le concentrazioni plasmatiche di caspofungin diminuiscono secondo un andamento polifasico a seguito di infusioni endovenose singole della durata di 1 ora.
Una breve fase alfa si verifica immediatamente dopo l’infusione endovenosa, seguita da una fase beta con emivita dalle 9 alle 11 ore.
Si verifica anche una fase gamma addizionale con una emivita di 45 ore.
Il meccanismo dominante sulla clearance plasmatica è rappresentato dalla distribuzione piuttosto che dalla escrezione o dalla biotrasformazione.E’ stato recuperato all’incirca il 75?% della dose radioattiva nell’arco di 27 giorni: 41?% nelle urine e 34?% nelle feci.
Vi è una bassa escrezione o biotrasformazione di caspofungin durante le prime 30?ore dopo la somministrazione.
L’escrezione è lenta e l’ emivita terminale della radioattività è stata da 12 a 15 giorni.
Una piccola quantità di caspofungin è escreta immodificata nelle urine (circa 1,4?% della dose).Il caspofungin mostra una farmacocinetica moderata non lineare con incremento dell’accumulo all’aumentare della dose e una dose-dipendenza nel tempo fino al raggiungimento dello stato di equilibrio con somministrazione a dose multipla.Popolazioni specialiE’ stata osservata una maggiore esposizione a caspofungin in pazienti con alterazione della funzione renale e lieve alterazione epatica, nelle donne e negli anziani.
Generalmente l’aumento è stato limitato e non ampio abbastanza da giustificare un aggiustamento della dose.
In pazienti con moderata alterazione epatica o in pazienti di maggiore peso corporeo, può essere necessario un aggiustamento del dosaggio (vedere sotto).Peso: è stato riscontrato che il peso influenza la farmacocinetica di caspofungin nell’analisi della farmacocinetica di popolazione nei pazienti affetti da candidiasi.
Le concentrazioni plasmatiche diminuiscono all’aumentare del peso.
Si prevede che l’esposizione media in un paziente di 80?kg di peso sia minore del 23?% rispetto a quella di un paziente di 60?kg (vedere paragrafo 4.2).Alterazione della funzione epatica: In pazienti con insufficienza epatica lieve e moderata, l’AUC è aumentata rispettivamente del 20 e del 75?%.
Non vi sono dati clinici sull’insufficienza epatica grave.
In uno studio a dose multipla, è stato dimostrato una riduzione del dosaggio della dose di mantenimento a 35?mg nell’alterazione moderata della funzione epatica determina una AUC simile a quella ottenuta in soggetti con funzione epatica normale ai quali viene somministrato un regime standard.Alterazione della funzione renale: in uno studio clinico con singole dosi da 70?mg, la farmacocinetica di caspofungin è risultata simile nei volontari con insufficienza renale lieve (clearance della creatinina 50-80?ml/min) e nei controlli.
L’insufficienza renale moderata (clearance della creatinina da 31 a 49ml/min), avanzata (clearance della creatinina da 5 a 30?ml/min) e allo stadio terminale (clearance della creatinina < 10ml/min e dialisi-dipendenza) ha aumentato moderatamente le concentrazioni plasmatiche di caspofungin a seguito di somministrazione di dose singola (AUC da 30 a 49?%).
Tuttavia, per i pazienti con aspergillosi invasiva, ai quali sono state somministrate dosi giornaliere multiple di Caspofungin MSD 50?mg, l’alterazione lieve della funzione renale non ha avuto un effetto significativo sulle concentrazioni minime di caspofungin.
Non è necessario aggiustamento del dosaggio nei pazienti con insufficienza renale.
Caspofungin non è dializzabile, non è pertanto richiesta una dose supplementare dopo emodialisi.Sesso: le concentrazioni plasmatiche di caspofungin sono state in media più alte del 17-38?% nelle donne rispetto agli uomini.Anziani: un modesto aumento dell’AUC (28?%) e del C24h (32 %) è stato osservato negli anziani di sesso maschile rispetto agli uomini giovani.Razza: i dati di farmacocinetica dei pazienti indicano che non sono state osservate differenze clinicamente significative nella farmacocinetica di caspofungin fra caucasici, neri, ispanici e meticci.?

05.3 Dati preclinici di sicurezza - [Vedi Indice].

Studi di tossicità a dose ripetuta in ratti e scimmie con dosi fino a 7-8?mg/kg endovena hanno mostrato reazioni nel sito di iniezione in ratti e scimmie, segni di rilascio di istamina in ratti ed evidenza di effetti avversi a livello del fegato nelle scimmie.
Studi di tossicità sull’accrescimento nei ratti hanno mostrato che caspofungin ha causato diminuzioni del peso corporeo fetale ed incrementi nell’incidenza di calcificazione incompleta a livello delle vertebre, sternebre ed ossa del cranio a dosi di 5?mg/kg insieme a reazioni avverse nelle madri quali segni di rilascio di istamina nei ratti in gravidanza.
E’stato anche osservato un aumento nell’incidenza di coste cervicali.Caspofungin è risultato negativo in una serie di saggi in?vitro per genotossicità potenziale e nel test cromosomicoin?vivo su midollo osseo di topo.
Non sono stati condotti studi a lungo termine in animali per valutare il potenziale cancerogeno.?

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - [Vedi Indice].

06.1 Eccipienti - [Vedi Indice].

SaccarosioMannitoloAcido acetico glacialeSodio idrossido (per l’aggiustamento del pH)?

06.2 Incompatibilità - [Vedi Indice].

Non mescolare con diluenti contenenti glucosio, poichè Caspofungin MSD non è stabile in diluenti contenenti glucosio.
Non mescolare o somministrare Caspofungin MSD nella stessa via endovenosa con altri medicinali, poichè non sono disponibili dati sulla compatibilità di Caspofungin MSD con altre sostanze, additivi o medicinali per uso endovenoso.?

06.3 Periodo di validità - [Vedi Indice].

2 anniConcentrato ricostituito: deve essere usato immediatamente.
Dati di stabilità hanno mostrato che la soluzione diluita per infusione endovenosa può essere conservata fino a 24?ore se il flaconcino è conservato a temperatura uguale o inferiore a 25°C e ricostituito con acqua per preparazioni iniettabili.Soluzione di infusione endovenosa diluita per il paziente: deve essere usata immediatamente.
Dati di stabilità hanno mostrato che il prodotto può essere usato entro 24?ore se conservato a temperatura uguale o inferiore a 25°C, o entro 48?ore quando la sacca (flacone) per l’infusione endovenosa è conservata in ambiente refrigerato (da 2 a 8°C) e diluita con una soluzione per infusione endovenosa di sodio cloruro 9?mg/ml (0,9?%), 4,5?mg/ml (0,45?%), o 2,25?mg/ml (0,225?%), o con una soluzione di Ringer lattato.Da un punto di vista microbiologico, il prodotto deve essere usato immediatamente.
Se non viene usato immediatamente, i tempi di conservazione durante l’uso e le condizioni di conservazione prima dell’uso sono responsibilità dell’operatore e non devono normalmente superare le 24 ore a 2?–?8°C, a meno che la ricostituzione e la diluizione non abbiano avuto luogo in condizioni asettiche controllate e validate.?

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - [Vedi Indice].

Flaconcini intatti: conservare a temperatura compresa tra 2°C e 8°C (in frigorifero).Concentrato ricostituito: deve essere usato immediatamente.
La stabilità chimico-fisica durante l’uso è stata dimostrata per 24 ore a 25°C.Soluzione di infusione endovenosa diluita per il paziente: deve essere usata immediatamente.
La stabilità chimico-fisica durante l’uso è stata dimostrata per 24 ore a 25°C, e per 48 ore in ambiente refrigerato (da 2 a 8°C).Caspofungin MSD non contiene conservanti.
Da un punto di vista microbiologico, il prodotto deve essere usato immediatamente.
Se non è usato immediatamente, i tempi di conservazione durante l’uso e le condizioni di conservazione prima dell’uso sono responsabilità dell’operatore e normalmente non dovrebbero superare le 24 ore tra 2 e 8°C, a meno che la ricostituzione e la diluizione non abbiano avuto luogo in condizioni asettiche controllate e validate.?

06.5 Natura e contenuto della confezione - [Vedi Indice].

Flaconcini in vetro Tipo I da 10?ml con tappo in butile grigio e capsula di chiusura di plastica con fascetta di alluminio giallo/arancio, monouso.Fornito in confezioni da 1 flaconcino.?

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - [Vedi Indice].

Ricostituzione di Caspofungin MSDNON USARE DILUENTI CONTENENTI GLUCOSIO poiché Caspofungin MSD NON E’ STABILE IN DILUENTI CONTENENTI GLUCOSIO.
NON MESCOLARE O SOMMINISTRARE NELLA STESSA VIA ENDOVENOSA Caspofungin MSD CON QUALSIASI ALTRO MEDICINALE, poiché non sono disponibili dati sulla compatibilità di Caspofungin MSD con altre sostanze, additivi o medicinali per uso endovenoso.
Controllare visivamente la soluzione per infusione endovenosa per verificare la presenza di particelle o alterazioni di colore.Fase 1 Ricostituzione di flaconcini convenzionaliPer ricostituire la polvere, portare il flaconcino a temperatura ambiente ed aggiungere asetticamente 10,5?ml di acqua per preparazioni iniettabili.La concentrazione del flaconcino ricostituito risulterà come di seguito: 7?mg/ml.La polvere liofilizzata compatta bianco-biancastra deve essere completamente dissolta.
Mescolare leggermente fino ad ottenere una soluzione limpida.
Le soluzioni ricostituite devono essere controllate visivamente per verificare la presenza di particelle o alterazioni di colore.
Questa soluzione ricostituita può essere conservata fino a 24?ore a temperature uguali o inferiori a 25°C.Fase 2 Aggiunta di Caspofungin MSD ricostituito alla soluzione di infusione endovenosa per il pazienteI diluenti per la soluzione di infusione endovenosa finale sono: soluzione di sodio cloruro per preparazioni iniettabili, o soluzione di Ringer lattato.
La soluzione per infusione endovenosa viene preparata aggiungendo asetticamente la quantità adeguata del concentrato ricostituito (come mostrato nella tabella che segue) a una sacca o a un flacone da infusione da 250?ml.
Non usare se la soluzione presenta opacità o precipitati.
Questa soluzione per infusione endovenosa deve essere usata entro 24?ore se conservata a temperatura uguale od inferiore a 25°C o entro 48?ore se conservata in ambiente refrigerato tra 2°C e 8°C.
La stabilità chimica e fisica della soluzione diluita in soluzione sterile di Ringer lattato e della soluzione per infusione endovenosa di sodio cloruro 9?mg/ml (0,9?%), 4,5?mg/ml (0,45?%), e 2,25?mg/ml (0,225?%) durante l’uso è stata dimostrata per 24?ore a 25°C e per 48?ore tra 2 e 8°C.
Da un punto di vista microbiologico, la soluzione deve essere utilizzata immediatamente.
Se non viene utilizzata immediatamente, i tempi di conservazione durante l’uso e le condizioni del prodotto prima dell’uso sono responsabilità dell’operatore e normalmente non dovrebbero superare le 24?ore tra 2 e 8°C, a meno che la ricostituzione e la diluzione non abbiano avuto luogo in condizioni asettiche controllate e validate.PREPARAZIONE DELLA SOLUZIONE PER L’INFUSIONE ENDOVENOSA

Preparazione standard (Caspofungin MSD ricostituito aggiunto a 250?ml) concentrazione finale
DOSE* Volume di Caspofungin MSD ricostituito per il trasferimento alla sacca o al flacone per soluzione endovenosaVolume di infusione ridotto (Caspofungin MSD ricostituito aggiunto a 100?ml) concentrazione finale
70?mg 10?ml 0,27?mg/ml Non raccomandato
70?mg(da 2 flaconcini da 50?mg)** 14?ml 0,27?mg/ml Non raccomandato

* devono essere usati 10,5?ml per ricostituire tutti i flaconcini**Se non è disponibile il flaconcino da 70?mg, la dose da 70?mg può essere preparata con 2 flaconcinida 50?mg?

07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

Merck Sharp & Dohme LtdHertford Road, HoddesonHertforshire EN11 9BURegno Unito?

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

EU/1/01/196/003A.I.C.
N.
035493030 ?

09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO - [Vedi Indice].

----- ?

10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - [Vedi Indice].

24 Ottobre 2001?

11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90 - [Vedi Indice].

----- ?

12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - [Vedi Indice].

----- ?

 

home

 


Ultimo aggiornamento: 15/12/2012
carloanibaldi.com - Copyright © 2000-2012 - Anibaldi.it@Network - Tutti i diritti riservati.
[http://www.carloanibaldi.com/terapia/schede/summary.htm]