CITOPLATINO
torna all'INDICE farmaci


Google  CERCA FARMACI NEL SITO

  www.carloanibaldi.com

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE
05.1 Propriet� farmacodinamiche
05.2 Propriet� farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilit�
06.3 Periodo di validit�
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO
10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -[Vedi Indice].

CITOPLATINO

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - [Vedi Indice].

Un flacone di liofilizzato contiene: 10 mg 25 mg 50 mg - Principio attivo: cisplatino 10 mg 25 mg 50 mg

03.0 FORMA FARMACEUTICA - [Vedi Indice].

Polvere liofilizzata.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - [Vedi Indice].

04.1 Indicazioni terapeutiche - [Vedi Indice].

Il Citoplatino ha dimostrato elevata attivit� antitumorale, sia da solo, sia in associazione ad altri citostatici, in numerosi tipi e sedi di tumori. - Sfera genitale: testicolo, ovaio, utero. - Collo e testa - Vescica e prostata - Per altri tipi e sedi di tumori (sarcomi, linfomi, metastasi di melanomi, tumori dell�esofago, della tiroide e dei polmoni) esistono dati preliminari ed una casistica limitata trattata prevalentemente con polichemioterapia.

04.2 Posologia e modo di somministrazione - [Vedi Indice].

Posologia Quando Citoplatino viene utilizzato da solo, si consigliano attualmente due schemi terapeutici: - 80-100 mg/m2 in dose unica endovenosa, o in 6 dosi refratte nelle 24 ore, ogni 3.4 settimane, oppure - 15.20 mg/m2 al giorno per 5 giorni consecutivi per via endovenosa ogni 3.4 settimane. In pazienti con funzionalit� renale compromessa e con depressione midollare dovranno essere impiegate dosi ridotte. Quando Citoplatino viene utilizzato in associazione con altri farmaci antitumorali, il dosaggio dovr� essere opportunamente adeguato. Modo di somministrazione Sciogliere il liofilizzato con il relativo solvente e diluire in almeno 500 ml di soluzione fisiologica, somministrando per infusione preferibilmente entro 6.8 ore.
Al fine di ridurre il rischio di nefrotossicit� il cisplatino va somministrato dopo idratazione del paziente che pu� essere effettuata durante la notte precedente l�inizio del trattamento e va protratta in modo da mantenere una diuresi costante fino ad almeno 24 ore dopo la fine della somministrazione. Diversi autori hanno adottato l�uso simultaneo di iperidratazione e diuresi osmotica indotta con infusione di mannitolo.
La quantit� di liquido perfuso varia ovviamente a seconda del tipo di trattamento. I successivi cicli di terapia con Citoplatino non devono essere effettuati qualora intervengano segni di insufficienza renale (valori di creatininemia superiori a 1,5 mg/100 ml) e quando la crasi ematica non sia ad un livello accettabile (piastrine > 100.000/mm3; leucociti > 4.000/mm3).

04.3 Controindicazioni - [Vedi Indice].

Una pregressa reazione allergica al cisplatino o ad altri composti contenenti platino rappresenta una controindicazione all�impiego del farmaco. Controindicazioni relative sono: ridotta funzionalit� renale, depressione midollare, disturbi uditivi. Il cisplatino � mutageno in batteri e produce alterazioni cromosomiche in cellule coltivate in vitro. Il prodotto, come del resto la maggior parte dei farmaci antitumorali ed immunodepressori, ha dimostrato propriet� cancerogene negli animali in particolari condizioni sperimentali.
Pur non essendoci attualmente informazioni sufficienti, � comunque possibile che il cisplatino abbia influenza sulla fertilit� maschile e femminile.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - [Vedi Indice].

La tossicit� generale del farmaco ed in particolare la sua nefrotossicit� possono essere ridotte somministrando Citoplatino per infusione anzich� per iniezione endovenosa: anche la iperidratazione del paziente contribuisce a migliorare la tollerabilit�. Citoplatino deve essere somministrato sotto il controllo del medico specialista in chemioterapia antitumorale esclusivamente in centri specializzati ed opportunamente attrezzati. Prima dell�inizio della terapia e ad ogni ciclo � necessario valutare la funzionalit� renale mediante controlli di creatininemia, azotemia e clearance della creatinina.
E� opportuno inoltre controllare la diuresi e la concentrazione degli elettroliti del siero compresa la magnesiemia.
La tossicit� renale si aggrava con il ripetersi dei cicli di trattamento. La funzionalit� renale deve tornare alla norma prima di tornare alla dose successiva.
L�uso concomitante di farmaci potenzialmente nefrotossici, come gli antibiotici aminoglicosidici, pu� compromettere gravemente la funzione renale. Dosi elevate possono essere ototossiche: � consigliabile valutare la capacit� uditiva prima e ad intervalli regolari durante la terapia. La mielotossicit� � dose-dipendente: � necessario controllar frequentemente la crasi ematica mediante conteggio di eritrociti, leucociti e piastrine. La possibile neurotossicit� da cisplatino richiede esami neurologici regolari.
Periodicamente occorre controllare la funzionalit� epatica. Le reazionidi tipo anafilattico possono essere controllate con antistaminici, adrenalina e/o glicocorticoidi.

04.5 Interazioni - [Vedi Indice].

Dotato di alcune caratteristiche degli alchilanti, il cisplatino non ha per� mostrato in clinica resistenza crociata con questo gruppo di sostanze antitumorali.
I sinergismi messi in evidenza sperimentalmente (soprattutto con la ciclofosfamide) hanno trovato conferma clinica nell�efficacia di alcuni tipi di associazioni, in particolare CAP e VAB III (CAP = cisplatino + adriamicina + ciclofosfamide; VAB III = vinblastina + actinomicina - bleomicina + ciclofosfamide + cisplatino).Non sono intervenuti segni di incompatibilit� a seguito di somministrazione di adrenalina, corticosteroidi e antistaminici, utilizzati in caso di reazioni allergiche, e dopo allopurinolo usato per abbassare la concentrazione ematica dell�acido urico.

04.6 Gravidanza e allattamento - [Vedi Indice].

Il cisplatino � controindicato in gravidanza e durante l�allattamento, in quanto possiede attivit� teratogena ed embriotossica in topi Swiss.

04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine - [Vedi Indice].

Nessuno.

04.8 Effetti indesiderati - [Vedi Indice].

Nefrotossicit� Recenti studi clinici indicano che una idonea idratazione riduce la tossicit� renale immediata del cisplatino. La possibile tossicit� renale dopo cicli ripetuti, richiede uno scrupoloso monitoraggio della funzione renale.
La compromissione renale � svelata da un aumento dell�azotemia, della creatininemia e dell�uricemia, nonch� da una diminuita clearance della creatinina. Sono stati inoltre osservati casi di microematuria.
Le lesioni renali sono localizzate nei tubuli distali e nei dotti collettori.
Tossicit� gastrointestinale Gran parte dei pazienti trattati con cisplatino lamenta nausea e vomito.
I sintomi iniziano di solito entro 1 ora dal trattamento e durano fino a 24 ore.
A volte anoressia, nausea e vomito possono persistere pi� a lungo, fino a 1 settimana e talvolta questi sintomi sono cos� gravi da dover procedere alla sospensione del trattamento. Mielotossicit� Il cisplatino pu� provocare una depressione di tutte e tre le serie cellulari.
La leucopenia � dose- dipendente, forse cumulativa ed � di solito reversibile: essa inizia tra il 6� e il 26� giorno dalla somministrazione e regredisce tra il 21� e il 45� giorno. Anche la piastrinopenia rappresenta un effetto dose-limitante del cisplatino, ma � solitamente reversibile: essa inizia tra il 10� e il 26� giorno dalla somministrazione e regredisce tra il 28� e il 45� giorno. L�anemia (caduta dell�emoglobina superiore a 2 g/100 ml) che si presenta con una certa frequenza ed � un effetto di difficile interpretazione, data la molteciplit� dei fattori che, nel paziente canceroso, possono portare ad anemia. Ototossicit� Si manifesta con ronzii e perdita dell�udito alle frequenze pi� elevate (4000 - 8000 Hz); � stata osservata anche dopo una dose singola, ma sembra correlata alla dose totale o alla somministrazione di alte dosi; nei bambini essa appare particolarmente grave.
E� ancora oggetto di discussione se sia reversibile. Neurotossicit� In alcuni pazienti � stata segnalata la comparsa di una neuropatia periferica con parestesie agli arti superiori e inferiori, tremori.
Sono stati anche osservati casi di perdita del gusto e del senso dello spazio.
Questi disturbi si sono verificati di solito dopo cicli ripetuti di terapia.
La sintomatologia neurologica � stata tuttavia osservata anche dopo la somministrazione di una singola dose. Il trattamento con cisplatino deve essere immediatamente sospeso alla comparsa dei sintomi sopraindicati.
I dati preliminari fanno ritenere che le neuropatie periferiche siano in alcuni pazienti irreversibili. Reazioni di tipo anafilattico In alcuni casi entro pochi minuti dalla somministrazione endovenosa di cisplatino, si sono verificate reazioni di tipo anafilattico, quali rossore improvviso, edema del volto, broncospasmo, tachicardia, ipotensione.
Tali reazioni sono controllabile con antistaminici, adrenalina e/o corticosteroidi. Iperuricemia Il cisplatino pu� causare iperuricemia, pi� elevata quando la dose supera i 50 mg/m2, controllabile mediante allopurinolo.
Ipomagnesiemia In un certo numero di pazienti � stata documentata ipomagnesiemia asintomatica; solo in pochissimi casi sono stati rilevati sintomi da ipomagnesiemia.

04.9 Sovradosaggio - [Vedi Indice].

In caso di iperdosaggio aumentano l�incidenza e l�intensit� dei disturbi digestivi e la possibilit� di un danno renale.
Occorre praticare iperidratazione facendo ricorso a perfusioni venose con soluzioni isotoniche di cloruro di sodio, associate eventualmente a perfusioni di mannitolo, al fine di favorire l�eliminazione del prodotto, ridurre il rischio di insorgenza di insufficienza renale, eliminare lo stato di disidratazione provocato dal vomito.

05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE - [Vedi Indice].

05.1 Propriet� farmacodinamiche - [Vedi Indice].

L�azione del cisplatino si esplica inibendo in modo selettivo e preferenziale la sintesi del DNA.
Alcune analogie di comportamento con agenti alchilanti fanno supporre che l�inibizione possa avvenire con la formazione di legami fra il complesso a base di platino e la struttura elicoidale del DNA stesso. L�attivit� citostatica � dovuta solo all�isomero cis del composto.

05.2 Propriet� farmacocinetiche - [Vedi Indice].

La farmacocinetica del cisplatino � stata studiata nell�animale prevalentemente dopo somministrazione i.v., cio� la stessa per cui � indicato il Citoplatino in terapia, nell�uomo. Studi effettuati nel cane dopo iniezione di una singola dose hanno messo in evidenza un decadimento plasmatico bifasico, con una prima fase di eliminazione rapida (t� di circa 30 minuti) e una seconda fase molto lenta (t� di alcuni giorni). I numerosi studi in distribuzione effettuati (anche con composto marcato) in diverse specie animali hanno dato risultati sovrapponibili: elevate concentrazioni di cisplatino negli organi escretori (fegato, rene) subito dopo la somministrazione, e concentrazioni alte e durature (alcuni giorni) negli organi escretori, gonadi, milza e polmoni.
Concentrazioni pressoch� nulle nel cervello fanno supporre che il farmaco non attraversi la barriera ematoencefalica.
L�eliminazione avviene principalmente attraverso la via renale; un�alta percentuale della dose somministrata viene rapidamente escreta con le urine (60% nel cane dopo 4 ore, 80% nel topo dopo 24 ore); la quota restante viene escreta molto lentamente. Nell�uomo il comportamento farmacocinetico � risultato analogo a quello dell�animale (stessi valori iniziali elevati, stessi organi preferenziali di accumulo).
Fa eccezione soltanto l�escrezione urinaria in pazienti neoplastici, nei quali ha mostrato un andamento pi� lento che nell�animale: circa il 30% nelle prime 6.12 ore, di poco superiore nelle 24 ore.
Tale comportamento � presumibilmente dovuto ad una maggiore permanenza tissutale del farmaco: la clearance epatica e la distribuzione nei tessuti, seguite con prodotto marcato, hanno evidenziato una emivita di 8.10 giorni. La presenza di radioattivit� nella zona epatica dopo 7 giorni dalla somministrazione fa supporre anche un accumulo o un riciclo enteroepatico. Non sono stati evidenziati prodotti catabolici del cisplatino.

05.3 Dati preclinici di sicurezza - [Vedi Indice].

Il cisplatino � mutageno in batteri e produce alterazioni cromosomiche in cellule coltivate in vitro. Il prodotto, come del resto la maggior parte dei farmaci antitumorali ed immunodepressori, ha dimostrato propriet� cancerogene negli animali in particolari condizioni sperimentali.
Pur non essendoci attualmente informazioni sufficienti, � comunque possibile che il cisplatino abbia influenza sulla fertilit� maschile e femminile.

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - [Vedi Indice].

06.1 Eccipienti - [Vedi Indice].

Un flacone di liofilizzato contiene: Eccipienti: mannitolo sodio cloruro. La fiala solvente contiene: acqua per preparazioni iniettabili.

06.2 Incompatibilit� - [Vedi Indice].

Poich� il cisplatino a contatto con l�alluminio si degrada, non si devono usare apparecchiature contenenti tale metallo.

06.3 Periodo di validit� - [Vedi Indice].

Allo stato secco, in flacone chiuso e conservato al riparo dalla luce, a temperatura ordinaria, Citoplatino � stabile per 36 mesi.
La soluzione ricostituita non deve essere conservata in frigorifero, perch� il cisplatino pu� cristallizzarsi; conservata a temperatura ordinaria � stabile per 20 ore al riparo dalla luce.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - [Vedi Indice].

Il cisplatino � sensibile alla luce ed al calore.

06.5 Natura e contenuto della confezione - [Vedi Indice].

Citoplatino � disponibile nei flaconi di liofilizzato da 10, 25 e 50 mg nelle seguenti confezioni: - 1 flacone di liofilizzato da 10 mg + 1 fiala di solvente da 10 ml - 1 flacone di liofilizzato da 25 mg + 1 flacone di solvente da 25 ml - 1 flacone di liofilizzato da 50 mg + 1 flacone di solvente da 50 ml

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - [Vedi Indice].

Nessuna particolare

07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

Bellon S.A.- Neuilly sur Seine - Parigi (Francia) Rappresentante per la vendita: AVENTIS PHARMA S.p.A.
P.le S.
T�rr, 5 - 20149 Milano

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

- Citoplatino 10 mg AIC n.
025074016 - Citoplatino 25 mg AIC n.
025074028 - Citoplatino 50 mg AIC n.
025074030

09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO - [Vedi Indice].

10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - [Vedi Indice].

Citoplatino 10 mg 10.06.1983/ 31.05.2000 Citoplatino 25 mg 10.06.1983/ 31.05.2000 Citoplatino 50 mg 27.07.1984/ 31.05.2000

11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90 - [Vedi Indice].

12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - [Vedi Indice].

ND

 

home

 


Ultimo aggiornamento: 15/12/2012
carloanibaldi.com - Copyright � 2000-2012 - Anibaldi.it@Network - Tutti i diritti riservati.
[http://www.carloanibaldi.com/terapia/schede/summary.htm]