Ceprotin 1000 UI
torna all'INDICE farmaci


Google  CERCA FARMACI NEL SITO

  www.carloanibaldi.com

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE
05.1 Propriet� farmacodinamiche
05.2 Propriet� farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilit�
06.3 Periodo di validit�
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERI DELLE AUTORIZZAZIONI ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
10.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -[Vedi Indice].

CEPROTIN 1000 UI Polvere e solvente per soluzione iniettabile.

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - [Vedi Indice].

Proteina C ottenuta da plasma umano purificato per mezzo di anticorpi monoclonali murini.
CEPROTIN 1000 UI* viene preparato sotto forma di polvere liofilizzata contenente nominalmente 1000 UI di proteina C umana in ciascun flacone.
Dopo ricostituzione con 10 ml di acqua sterilizzata per preparazioni iniettabili , il prodotto contiene circa 100 UI/ml di proteina C umana. Il contenuto (UI) di proteina C del preparato viene determinato per mezzo di un metodo con substrato cromogenico secondo lo Standard Internazionale (86/622) dell'Organizzazione Mondiale della Sanit� (OMS).
Eccipienti: Cloruro di sodio: 88 mg/flacone Citrato di sodio .
2H2O: 44 mg/flacone Per l�elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.
* 1 Unit� Internazionale (UI) di proteina C corrisponde all�attivit� della proteina C in 1 ml di plasma normale misurata con metodo amidolitico.

03.0 FORMA FARMACEUTICA - [Vedi Indice].

Polvere e solvente per soluzione iniettabile. Polvere bianca o di colore crema o sostanza solida friabile.
Dopo ricostituzione la soluzione mostra un pH compreso fra 6,7 e 7,3 ed una osmolalit� non inferiore a 240 mosmol/kg.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - [Vedi Indice].

04.1 Indicazioni terapeutiche - [Vedi Indice].

CEPROTIN � indicato nella porpora fulminante e nella necrosi cutanea indotta dalla cumarina in pazienti con grave deficit congenito di proteina C. Inoltre CEPROTIN � indicato per la profilassi a breve termine in pazienti con grave deficit congenito di proteina C, in presenza di una o pi� delle seguenti condizioni: � imminenti interventi chirurgici o terapia invasiva � all'inizio di terapia a base di cumarina � nei casi in cui la terapia a base di cumarina da sola non sia sufficiente � nei casi in cui la terapia a base di cumarina non sia possibile.

04.2 Posologia e modo di somministrazione - [Vedi Indice].

Il trattamento con CEPROTIN deve essere iniziato sotto il controllo di un medico esperto in terapia sostitutiva con fattori/inibitori della coagulazione nei casi in cui sia possibile eseguire il monitoraggio dell'attivit� della proteina C. Il dosaggio deve essere determinato in base agli esami di laboratorio per ogni singolo caso. 10 Deve essere inizialmente raggiunta un�attivit� della proteina C del 100%, e tale attivit� deve essere mantenuta al di sopra del 25% per tutta la durata del trattamento. Si raccomanda una dose iniziale di 60-80 UI/kg per la determinazione del recupero e dell'emivita.
Si raccomanda la misurazione dell'attivit� di proteina C per mezzo di sostanze cromogeniche per la determinazione dei livelli plasmatici del paziente per la proteina C prima e durante il trattamento con CEPROTIN. Il dosaggio deve essere determinato sulla base di misurazioni di laboratorio dell�attivit� della proteina C.
In caso di un evento trombotico acuto, tali misurazioni devono essere eseguite ogni 6 ore fino a stabilizzazione raggiunta, successivamente due volte al giorno e sempre subito prima dell�iniezione successiva.
E� necessario ricordare che l�emivita della proteina C pu� essere drasticamente ridotta in presenza di certe condizioni cliniche quali la trombosi acuta con porpora fulminante e necrosi cutanea. I pazienti trattati durante la fase acuta della malattia possono mostrare aumenti molto pi� lievi nell'attivit� di proteina C.
L'ampia variazione nelle risposte individuali implica la necessit� di controllare regolarmente gli effetti di CEPROTIN sui parametri della coagulazione. Pazienti con compromissione renale e/o epatica, devono essere sottoposti ad un accurato monitoraggio.
(vedere paragrafo 4.4) Se il paziente passa al trattamento profilattico permanente con anticoagulanti orali, la terapia sostitutiva con proteina C deve essere interrotta solo dopo l�ottenimento di un livello di anticoagulazione stabile (vedere paragrafo 4.5). Inoltre, all'inizio della terapia anticoagulante orale � consigliabile partire con una dose bassa, ed incrementarla progressivamente, piuttosto che iniziare con una dose d'urto standard. Nei pazienti sottoposti a trattamento profilattico con proteina C, livelli pi� elevati dovrebbero essere garantiti in situazioni a maggiore rischio di trombosi (ad esempio infezioni, traumi o interventi chirurgici). Nei pazienti con grave deficit congenito combinato di proteina C e con resistenza verso APC, i dati clinici disponibili sulla sicurezza ed efficacia di CEPROTIN sono limitati. CEPROTIN viene somministrato per iniezione endovenosa dopo ricostituzione della polvere per soluzione iniettabile con acqua sterilizzata per preparazioni iniettabili CEPROTIN deve essere somministrato ad una velocit� di iniezione non superiore a 2 ml/ minuto.
Nei bambini con un peso corporeo < 10 kg la velocit� di iniezione non deve eccedere 0,2 ml/kg/min. Come per qualsiasi prodotto a base di proteine somministrabili per via endovenosa, � possibile che si verifichino reazioni da ipersensibilit�.
Dato il possibile rischio di insorgenza di sintomi allergici di natura acuta e a rischio per la vita, � opportuno che la somministrazione avvenga nelle vicinanze di strutture di pronto soccorso.

04.3 Controindicazioni - [Vedi Indice].

Ipersensibilit� verso il principio attivo o uno o pi� degli eccipienti, alle proteine murine o all'eparina, eccetto per il controllo di complicanze trombotiche a rischio per la vita.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - [Vedi Indice].

Dal momento che non � possibile escludere il rischio di una reazione da ipersensibilit� di tipo allergico, i pazienti devono essere informati circa i segni precoci di reazioni da ipersensibilit� inclusi prurito, orticaria generalizzata, oppressione toracica, dispnea, ipotensione e anafilassi.
In caso di insorgenza di questi sintomi, � necessario consultare il medico ed interrompere immediatamente la somministrazione del prodotto. 11 In caso di shock, � necessario seguire gli standard medici correnti per il trattamento dello shock. Non essendo disponibili esperienze in merito al trattamento di pazienti con compromissione renale e/o epatica, si raccomanda che tali pazienti vengano sottoposti ad un accurato monitoraggio. Le misure standard per prevenire le infezioni dovute all�uso di prodotti medicinali ottenuti da sangue o plasma di origine umana includono la selezione dei donatori, lo screening delle singole donazioni e dei pool di plasma per specifici markers di infezioni, e l�inclusione di efficaci fasi produttive per l�inattivazione / la rimozione virale.
Nonostante questo, in caso di somministrazione di prodotti medicinali ottenuti da sangue o plasma umano, non � possibile escludere totalmente l�insorgenza di malattie infettive dovute alla trasmissione di agenti infettivi.
Questo riguarda anche gli agenti patogeni di natura finora sconosciuta. Le misure intraprese sono considerate efficaci per i virus capsulati come lo HIV, l�HBV e l�HCV e per il virus HAV non capsulato.
Le misure intraprese possono avere un valore limitato nei confronti di virus non capsulati come ad esempio il parvovirus B19.
L'infezione da parvovirus B19 pu� risultare grave per le donne in gravidanza (infezione fetale) e per i soggetti affetti da immunodeficienza o da attivazione midollare (es.
anemia emolitica). E� necessario prendere in considerazione un�adeguata vaccinazione (contro l�epatite A e B) per i pazienti sottoposti a regolare o ripetuto trattamento con Proteina C ottenuta da plasma di origine umana. Si raccomanda fortemente che ad ogni somministrazione di Ceprotin ad un paziente, venga registrato il nome ed il numero di lotto del prodotto al fine di mantenere una correlazione fra il paziente ed il lotto del prodotto. CEPROTIN pu� contenere tracce di eparina.
Possono insorgere reazioni allergiche indotte da eparina che possono essere associate ad una rapida diminuzione del numero dei trombociti (trombocitopenia indotta da eparina, [HIT]).
Nei pazienti con HIT possono verificarsi sintomi quali trombosi arteriosa e venosa, coagulazione intravascolare disseminata (CID), porpora, petecchie e sanguinamento gastrointestinale (melena).
In caso di HIT sospetta, � necessario eseguire immediatamente la conta dei trombociti e se necessario sospendere la terapia con CEPROTIN.
La identificazione di HIT � complicata dal fatto che tali sintomi possono essere gi� presenti durante la fase acuta in pazienti con grave deficit congenito di proteina C.
I pazienti con HIT dovranno evitare in futuro l'uso di farmaci contenenti eparina. Nell'ambito dell'esperienza clinica sono stati osservati diversi episodi emorragici.
La concomitante somministrazione di preparati anticoagulanti (ad esempio eparina) pu� essere stata la responsabile di tali episodi emorragici.
Ad ogni modo non si pu� escludere con certezza che la somministrazione di CEPROTIN abbia ulteriormente contribuito a tali episodi emorragici. E� possibile che la quantit� di sodio contenuta nella dose massima giornaliera superi i 200 mg.
Di ci� si deve tener conto nei pazienti sottoposti a dieta iposodica.

04.5 Interazioni - [Vedi Indice].

Attualmente non si conoscono interazioni con altri prodotti medicinali. Nei pazienti che iniziano il trattamento con anticoagulanti orali appartenenti alla classe degli antagonisti della vitamina K (es.
warfarina), � possibile osservare un temporaneo stato di ipercoagulabilit� prima che l'effetto anticoagulante desiderato divenga evidente.
Tale effetto pu� essere spiegato dal fatto che la proteina C, di per se una proteina plasmatica vitamina K dipendente, ha un'emivita pi� breve rispetto alla maggior parte delle proteine vitamina K dipendenti (cio� II, IX e X).
Successivamente, nella fase iniziale del trattamento, l'attivit� della proteina C viene soppressa pi� rapidamente di quella dei fattori procoagulanti.
Per tale ragione, se il paziente passa al trattamento con anticoagulanti orali, � necessario proseguire la terapia sostitutiva a base di proteina C fino al 12 raggiungimento di un livello di anticoagulazione stabile.
Sebbene la necrosi cutanea indotta da warfarina possa verificarsi in qualsiasi paziente durante le fasi iniziali della terapia anticoagulante orale, i soggetti con deficit congenito di proteina C sono particolarmente a rischio (vedere 4.2).

04.6 Gravidanza e allattamento - [Vedi Indice].

Sebbene CEPROTIN sia stato utilizzato in maniera sicura nel trattamento di donne in gravidanza con deficit della proteina C, la sua sicurezza nella gravidanza umana non � stata stabilita in studi clinici controllati.
Inoltre non sono disponibili informazioni circa l'escrezione della proteina C nel latte materno.
Pertanto CEPROTIN deve essere utilizzato durante la gravidanza e l�allattamento valutando il rischio nei confronti della madre e del nascituro, e solo se chiaramente necessario.

04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine - [Vedi Indice].

CEPROTIN non influisce sulla capacit� di guida di autoveicoli o sull�uso di macchinari.

04.8 Effetti indesiderati - [Vedi Indice].

Ipersensibilit� o reazioni allergiche (che possono includere angioedema, senso di bruciore o di puntura nel sito di iniezione, brividi, rossore del volto, rash cutaneo, orticaria generalizzata, cefalea, prurito, ipotensione, sonnolenza, nausea, irrequietezza, tachicardia, oppressione toracica, formicolio, vomito, dispnea) sono state osservate non frequentemente. Negli studi clinici condotti, si sono verificate due lievi reazioni allergiche. Sono stati segnalati singoli casi di febbre, aritmia, sanguinamenti e trombosi durante il trattamento. Se il preparato viene usato in pazienti con grave deficit congenito di proteina C, possono svilupparsi anticorpi inibenti la proteina C. Effetti indesiderati basati sull�esperienza post-marketing di Ceprotin La frequenza � stata valutata in base ai seguenti criteri: molto comune (>1/10), comune (>1/100,<1/10), non comune (>1/1000,<1/100), raro (>1/10000,<1/1000) e molto raro (<1/10000) All�interno di ciascun gruppo di frequenza gli effetti indesiderati vengono presentati in ordine di gravit� decrescente. Frequenza di Eventi avversi (ADRs) nell'esperienza post-marketing di CEPROTIN MEDRA Classificazione organi MEDRA termine preferito Categoria di frequenza degli ADR Disturbi psichiatrici irrequietezza Molto raro Alterazioni dell�apparato respiratorio, del torace e del mediastino emotorace Molto raro Alterazioni della cute e del tessuto sottocutaneo iperidrosi Molto raro Indagini diagnostiche Aumento della temperatura corporea Molto raro

04.9 Sovradosaggio - [Vedi Indice].

Non sono stati riportati sintomi da sovradosaggio con CEPROTIN.

05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE - [Vedi Indice].

05.1 Propriet� farmacodinamiche - [Vedi Indice].

13 Categoria farmacoterapeutica: antitrombotici; Codice ATC: B01 AD12 La proteina C � una glicoproteina anticoagulante vitamina K-dipendente che viene sintetizzata nel fegato.
Essa viene convertita dal complesso trombina/trombomodulina sulla superficie endoteliale in proteina C attivata (APC).
La APC � una proteasi serinica con potenti effetti anticoagulanti, soprattutto in presenza del suo cofattore: la proteina S.
La APC esercita i suoi effetti mediante la inattivazione delle forme attivate dei fattori V e VIII che determina una riduzione nella formazione di trombina.
La APC ha inoltre mostrato effetti profibrinolitici. La somministrazione endovenosa di CEPROTIN fornisce un immediato ma temporaneo aumento di proteina C nei livelli plasmatici.
Ci si attende che il trattamento sostitutivo di proteina C in pazienti con deficit di proteina C possa controllare o - se somministrato in via profilattica - prevenire le complicanze trombotiche. Gli studi sull'efficacia hanno incluso dodici cicli di profilassi a breve termine prima dell'intervento chirurgico o della terapia invasiva e 7 cicli di profilassi a lungo termine.

05.2 Propriet� farmacocinetiche - [Vedi Indice].

I dati farmacocinetici sono stati valutati in 13 soggetti con deficit asintomatico omozigote o eterozigote doppio di proteina C.
L'attivit� plasmatica della proteina C � stata misurata mediante test cromogenico.
Le singole emivite hanno mostrato una variazione da 4,4 a 15,8 ore usando un modello compartimentale e da 4,9 a 14,7 ore usando un metodo non compartimentale.
Il recupero in vivo individuale � variato fra 25,9% e 83,2%.
I pazienti erano molto diversi per quanto riguarda l'et�, il peso corporeo e il volume plasmatico. In pazienti con trombosi acuta, sia l�incremento dei livelli plasmatici di proteina C che l�emivita della proteina stessa possono essere considerevolmente ridotti.

05.3 Dati preclinici di sicurezza - [Vedi Indice].

La proteina C contenuta in CEPROTIN � un normale costituente del plasma umano ed agisce come la proteina C endogena.
Pertanto studi sperimentali sugli effetti cancerogeni o mutagenici - in particolare nelle specie eterologhe - non sono considerati necessari. Test di tossicit� con singola dose hanno mostrato che anche dosi diverse volte superiori (10 volte) a quelle raccomandate per l�uomo per chilogrammo di peso corporeo non hanno determinato effetti tossici sui roditori. CEPROTIN � risultato non mutagenico nel test Ames. Non sono stati eseguiti studi di tossicit� ripetuta perch� esperienze precedenti con preparati per la coagulazione sono risultati di scarso valore.
La differenza fra la proteina C delle specie riceventi e umana determineranno inevitabilmente una risposta immunitaria con formazione di anticorpi.

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - [Vedi Indice].

06.1 Eccipienti - [Vedi Indice].

Polvere Albumina umana Cloruro di sodio Citrato di sodio .2H20 Solvente Acqua sterilizzata per preparazioni iniettabili 14

06.2 Incompatibilit� - [Vedi Indice].

In assenza di studi sulla incompatibilit�, questo medicinale non deve essere miscelato con altri prodotti medicinali.

06.3 Periodo di validit� - [Vedi Indice].

3 anni. La soluzione deve essere utilizzata immediatamente dopo la ricostituzione.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - [Vedi Indice].

Conservare in frigorifero (2�C - 8�C).
Non congelare.
Conservare il flacone nell�involucro esterno per tenerlo al riparo dalla luce.

06.5 Natura e contenuto della confezione - [Vedi Indice].

500 UI e 1000 UI; CEPROTIN polvere si presenta in flaconi di vetro neutro di tipo idrolitico I (500 UI) o di tipo idrolitico II (1000 UI).
Il solvente si presenta in flaconi di vetro neutro di tipo idrolitico I.
Entrambi i flaconi sono chiusi con tappi di gomma butilica. Ciascuna confezione contiene inoltre: � un ago per la ricostituzione � un ago filtro E� possibile che non tutte le confezioni siano in commercio.

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - [Vedi Indice].

Ricostituire la polvere liofilizzata di CEPROTIN liofilizzato per soluzione iniettabile con il solvente fornito (acqua sterilizzata per preparazioni iniettabili) utilizzando l�ago sterile per la ricostituzione.
Ruotare leggermente il flacone fino a quando tutta la polvere liofilizzata non si sar� disciolta.
Dopo la ricostituzione la soluzione appare incolore o leggermente giallastra e limpida oppure leggermente opalescente e praticamente priva di particelle visibili. La soluzione viene prelevata attraverso l�ago filtro sterile nella siringa sterile monouso.
Per prelevare CEPROTIN deve essere utilizzato un ago filtro nuovo per ciascun flacone.
La soluzione deve essere eliminata in caso di presenza di particelle visibili. La soluzione ricostituita deve essere utilizzata immediatamente per iniezione endovenosa. Eventuali quantit� di soluzione inutilizzate o materiali di scarto devono essere smaltiti come previsto dai regolamenti locali. 15

07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

BAXTER AG Industriestrasse 67 A-1220 Vienna Austria

08.0 NUMERI DELLE AUTORIZZAZIONI ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

035389028/E

09.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - [Vedi Indice].

Data della prima autorizzazione: 16 luglio 2001 Data dell�ultimo rinnovo: 16 luglio 2006

10.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - [Vedi Indice].

ND

 

home

 


Ultimo aggiornamento: 15/12/2012
carloanibaldi.com - Copyright � 2000-2012 - Anibaldi.it@Network - Tutti i diritti riservati.
[http://www.carloanibaldi.com/terapia/schede/summary.htm]