Faretrizin
torna all'INDICE farmaci


Google  CERCA FARMACI NEL SITO

  www.carloanibaldi.com

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE
05.1 Proprietà farmacodinamiche
05.2 Proprietà farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilità
06.3 Periodo di validità
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO
10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -[Vedi Indice].

FARETRIZIN

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - [Vedi Indice].

- FARETRIZIN “500” Capsule: Un capsula contiene: Principio attivo Cefatrizina propilenglicole solvatato mg 625 pari a Cefatrizina acido mg 500 Eccipienti Lattosio mg 80 Magnesio stearato mg 15 Talco mg 10 Elementi costitutivi della forma farmaceutica Gelatina mg 74 Titanio biossido mg 1 Glicerina mg 10 FARETRIZIN Sospensione orale: 100 ml contengono: Principio attivo Cefatrizina propilenglicole solvatato mg 6250 pari a Cefatrizina acido mg 5000 Eccipienti Saccarosio g 50,00 Metilcellulosa g 0,100 Aroma “Tutti frutti” g 0,500 Citrato sodico g 0,169 Acido citrico g 0,080

03.0 FORMA FARMACEUTICA - [Vedi Indice].

Capsule e Sospensione orale estemporanea.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - [Vedi Indice].

04.1 Indicazioni terapeutiche - [Vedi Indice].

Trattamento orale delle infezioni sostenute da germi sensibili alla Cefatrizina, in particolare: Infezioni dell'apparato respiratorio (tonsillite, faringite, bronchite, broncopolmonite). Infezioni dell'apparato gastrointestinale (enteriti e peritoniti da E.
Coli). Infezioni dell'apparato urogenitale (pielite, pielonefrite, cistite, prostatite, epidimite, uretrite).

04.2 Posologia e modo di somministrazione - [Vedi Indice].

La posologia giornaliera media consigliata è: Adulti: da 1,5 a 3 g frazionati in 3.4 somministrazioni. Bambini: da 30 a 100 mg per Kg/die frazionati in 3.4 somministrazioni. Le dosi di farmaco devono essere adeguate a giudizio del medico, in funzione dell'età del paziente, del tipo e della gravità dell'infezione e della risposta terapeutica. Non dovranno essere usate dosi inferiori a quelle sopra indicate ed il dosaggio pediatrico non dovrà in alcun modo superare quello consigliato per gli adulti.
DURATA DEL TRATTAMENTO In tutti i pazienti, indipendentemente dall'età e dal peso, è consigliabile protrarre la terapia per un minimo di 48.72 ore, dopo la scomparsa dei sintomi e la negativizzazione delle colture batteriche. Allestimento della sospensione: Per ottenere la sospensione aggiungere acqua potabile poco alla volta, fino al segno indicato sul flacone ed agitare energicamente.
Agitare sempre prima dell'uso. Sul misurino dosatore sono indicati due segni (5 ml e 10 ml), corrispondenti alla quantità di antibiotico di 250 e 500 mg. La sospensione preparata si conserva stabile per 5 giorni a temperatura ambiente e per 10 giorni in frigorifero, avendo cura di tenere il flacone ben chiuso.

04.3 Controindicazioni - [Vedi Indice].

Ipersensibilità agli antibiotici della classe delle cefalosporine.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - [Vedi Indice].

Prima di iniziare la terapia con Cefatrizina è necessaria una anamnesi accurata al fine di evidenziare precedenti reazioni di ipersensibilità a Cefatrizina. Prove cliniche e di laboratorio hanno evidenziato parziale allergicità crociata tra penicillina e cefalosporine ; la Cefatrizina deve essere pertanto somministrata con cautela a quei pazienti che hanno presentato reazioni di ipersensibilità di tipo 1 alla penicillina. In caso di reazione allergica si deve interrompere la terapia ed istituire un trattamento idoneo (amine vasopressorie, antistaminici, corticosteroidi) o, in presenza di anafilassi, un immediato trattamento con adrenalina od altre opportune misure di emergenza. Casi di colite pseudomembranosa sono stati descritti in concomitanza all’uso di Cefalosporine (ed altri antibiotici a largo spettro) ; è importante prendere in considerazione tale diagnosi in pazienti che presentano diarrea durante la terapia. In caso di marcata insufficienza renale la posologia delle Cefalosporine deve essere opportunamente ridotta sulla base dei risultati delle prove di funzionalità renale. Sia a livello clinico che di laboratorio è stata accertata allergenicità crociata parziale tra penicilline e cefalosporine e, per quanto rari, sono stati segnalati casi di pazienti che hanno presentato reazioni ad entrambi i farmaci, talora anche di tipo anafilattico, specie dopo somministrazione parenterale. Sono state segnalate, in corso di trattamento con cefalosporine, positività dei test di Coombs (talora false).

04.5 Interazioni - [Vedi Indice].

L'eventuale uso contemporaneo o ravvicinato di altri farmaci nefrotossici, aumenta la tossicità renale e la funzione del rene, va assiduamente controllata (kanamicina, streptomicina, colistina, viomicina, polimixina, neomicina, gentamicina, etc.). L'uso prolungato dell'antibiotico può favorire lo sviluppo di microorganismi non sensibili; in tale evenienza adottare le opportune misure. La somministrazione delle cefalosporine può interferire con i risultati di alcune prove di laboratorio, causando pseudopositività della glicosuria con i metodi di Benedict, Fehling e "Clinitest", ma non con i metodi enzimatici.

04.6 Gravidanza e allattamento - [Vedi Indice].

Sebbene non esistano prove sperimentali di effetti embriopatici o teratogenici attribuibili alla Cefatrizina, come per tutti gli altri farmaci nelle donne in stato di gravidanza o nella primissima infanzia il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessità, sotto il diretto controllo del medico.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine - [Vedi Indice].

Il prodotto non interferisce con la capacità di guida o l'uso di macchine.

04.8 Effetti indesiderati - [Vedi Indice].

Le reazioni indesiderabili da Cefalosporine sono per lo più limitate a disturbi gastrointestinali e, occasionalmente a fenomeni di ipersensibilità.
La frequenza della comparsa di questi è maggiore negli individui nei quali, in precedenza, si siano verificate reazioni di ipersensibilità verso farmaci e sostanze varie ed in quelli con precedenti di allergia, asma, febbre da fieno, orticaria, etc., nell'anamnesi.
Complessivamente in corso, o a seguito di trattamento con cefalosporine, sono state segnalate le seguenti reazioni secondarie: glossite, nausea, vomito, pirosi gastrica, dolori addominali, diarrea; più raramente eruzioni cutanee, prurito, orticaria, artralgia. Occasionalmente sono state riferite variazioni di solito transitorie e comunque reversibili di alcuni parametri clinici e di laboratorio con eosinofilia, leucopenia, neutropenia, aumento delle transaminasi sieriche, della bilirubina totale e dell'azotemia. Altre reazioni riferite sono state vertigini, senso di costrizione toracica, vaginite da Candida, in rapporto, quest'ultima, con lo sviluppo di microorganismi non sensibili. L'eventuale comparsa di questi fenomeni collaterali richiede l'adozione delle necessarie misure terapeutiche e l'attenta considerazione del medico che se del caso, deciderà sull'opportunità di interrompere il trattamento. Sono stati segnalati casi di anemia emolitica in seguito a trattamento con cefalosporine.

04.9 Sovradosaggio - [Vedi Indice].

La Cefatrizina nell’animale si è dimostrata un farmaco non tossico ; di conseguenza anche nell’uomo non dovrebbero insorgere problemi dovuti a sovradosaggio. Non sono comunque noti, al momento, incidenti acuti con Cefatrizina.

05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE - [Vedi Indice].

05.1 Proprietà farmacodinamiche - [Vedi Indice].

La Cefatrizina è una Cefalosporina 7.fenilglicilica, 3 eterociclica tiometilica, dotata di caratteristiche di attività e capacità protettive nelle infezioni sperimentali, anche per somministrazione orale. La Cefatrizina possiede un ampio spettro di azione, elevata resistenza alla betalattamasi e la minima concentrazione battericida (MCB) è praticamente sovrapponibile alla minima concentrazione inibente (MIC). Il suo spettro di azione è tra i più ampi sia nei confronti di Gram-negativi : E.
Coli, Klebsielle, S.
Typhimurium, Proteus, N.
Meningitis, N.
Gonorrhoeae, H.
Influenzae, Enterobacter, sia nei confronti di Gram-positivi : Str.
Pyogenes, Str.
Pneumoniae, Str.
B-emolitico, S.
Aureus.

05.2 Proprietà farmacocinetiche - [Vedi Indice].

La Cefatrizina possiede caratteristiche di farmacocinetica peculiari : infatti, pur essendo assorbita lentamente, possiede una lunga emivita plasmatica ed il quantitativo che si ritrova nelle urine è basso, ma nettamente superiore alla MIC per i batteri del tratto genito-urinario, conferendole così una migliore maneggevolezza e abbassando i rischi di nefrotossicità. La biodisponibilità della Cefratizina è stata indagata sia nell’animale che nell’uomo ; in particolare le concentrazioni ematiche rilevate nell’uomo dimostrano che il picco ematico viene raggiunto a 2 ore dalla somministrazione della prima dose con un’emivita di 10,1 ± 4,5 minuti. A sei ore dalla somministrazione sono stati osservati valori ematici superiori a 0,5 mcg/ml.
L’eliminazione avviene lentamente per via urinaria e la percentuale della dose somministrata eliminata nelle sei ore successive al trattamento, è risultata pari al 20-30% a conferma della lenta eliminazione del prodotto.

05.3 Dati preclinici di sicurezza - [Vedi Indice].

Dai risultati ottenuti nelle prove tossicologiche su varie specie di animali si rileva che il farmaco è dotato di bassa tossicità ; infatti anche alle più alte dosi somministrate (2500 mg/Kg) non si sono ottenuti decessi, ne alterazioni dello stato generale e del comportamento. Anche la somministrazione prolungata (120 g.) per via orale, di dosi notevolmente più alte di quelle consigliate per uso umano, non ha provocato sia nel ratto che nel miniping alcuna alterazione significativa dei parametri osservati. Le prove di tossicità fetale nel ratto e nel coniglio non hanno evidenziato alcuna influenza del farmaco nell’andamento della gravidanza, né sul normale sviluppo embrio-fetale.

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - [Vedi Indice].

06.1 Eccipienti - [Vedi Indice].

FARETRIZIN “500” Capsule Lattosio mg 80, Magnesio stearato mg 15, Talco mg 10.
FARETRIZIN Sospensione orale Saccarosio g 50,00, Metilcellulosa g 0,100, Aroma “Tutti frutti”g 0,500, Citrato sodico g 0,169, Acido citrico g 0,080.

06.2 Incompatibilità - [Vedi Indice].

Non sono state segnalate incompatibilità chimiche del prodotto

06.3 Periodo di validità - [Vedi Indice].

Il prodotto in confezionamento integro e correttamente conservato ha una validità di 24 mesi

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - [Vedi Indice].

Non sono necessarie particolari precauzioni per la conservazione.

06.5 Natura e contenuto della confezione - [Vedi Indice].

Faretrizin capsule: scatola di cartone litografato contenente n° 8 capsule in blister in PVC. Faretrizin sospensione: scatola di cartone litografato contenente n° 1 flacone con polvere granulare ed apposito misurino.

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - [Vedi Indice].

Faretrizin sospensione: per ottenere la sospensione aggiungere acqua potabile fino al segno indicato sul flacone ed agitare energicamente. Sul misurino dosatore sono indicati due segni (5 e 10 ml), corrispondenti alla quantità di antibiotico di 250 e 500 mg. La sospensione preparata si conserva stabile per 5 giorni a temperatura ambiente e per 10 giorni in frigorifero, avendo cura di tenere il flacone ben chiuso.

07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

LA.FA.RE.
srl - Laboratorio Farmaceutico, via Sac.Benedetto Cozzolino 77, Ercolano-Napoli, CF 00467860631

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

Faretrizin capsule n° AIC 025789013 Faretrizin sospensione n° AIC 025789025

09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO - [Vedi Indice].

Da vendersi dietro presentazione di ricetta medica

10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - [Vedi Indice].

01/07/1985

11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90 - [Vedi Indice].

Il prodotto non appartiene ad alcuna delle tabelle relative al D.P.R.
309/90

12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - [Vedi Indice].

01/05/1995

 

home

 


Ultimo aggiornamento: 15/12/2012
carloanibaldi.com - Copyright © 2000-2012 - Anibaldi.it@Network - Tutti i diritti riservati.
[http://www.carloanibaldi.com/terapia/schede/summary.htm]