xx

Torna alla pagina iniziale

     

 

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza ed allattamento
04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE
05.1 Proprietà farmacodinamiche
05.2 Proprietà farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilità
06.3 Periodo di validità
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
home

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO
10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
xxy TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
12.0



     

 

- [Vedi Indice]

GAMMA-TET P

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - [Vedi Indice]

Principio attivo (composizione qualitativa):immunoglobulina umana antitetanica per somministrazione intramuscolare.

Composizione quantitativa:1 ml di soluzione contiene: proteine 100-170 mg di cui immunoglobuline umane almeno 95% con antitossina tetanica 250 U.I.

home

03.0 FORMA FARMACEUTICA - [Vedi Indice]

Preparazione liquida contenente immunoglobuline, prevalentemente immunoglobulina G (IgG).

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

- [Vedi Indice]

04.1 Indicazioni terapeutiche - [Vedi Indice]

a) Profilassi del tetano in soggetti con traumi recenti che possono essere contaminati da spore tetaniche e che non sono stati vaccinati negli ultimi 10 anni, o nei quali il precedente regime di vaccinazione è incompleto o non noto.

b) Terapia del tetano clinicamente manifesto.

04.2 Posologia e modo di somministrazione - [Vedi Indice]

Posologia

Oltre alla disinfezione, alla pulizia chirurgica ed all'iniezione di Gamma-Tet P, si deve avviare contemporaneamente l'immunizzazione attiva con vaccino antitetanico in un punto controlaterale del corpo (cfr. Tabella). Dipende da valutazione medica lo stabilire se anche le ferite di modesta entità sono a rischio tetanico sulla base della possibilità che il Clostridium tetani possa essere presente sull'oggetto che ha causato la ferita.

Bambini ed adulti devono ricevere la stessa posologia.

a) Profilassi del tetano

Iniettare 250 U.I. per via i.m. Questa dose deve essere raddoppiata (500 U.I.) in caso di ferite irregolari o infette, quando la ferita risale a più di 24 ore prima e negli adulti con massa corporea superiore alla media.

b) Terapia del tetano clinicamente manifesto

Diversi studi suggeriscono l'importanza delle immunoglobuline antitetaniche nel trattamento del tetano clinicamente manifesto, impiegando singole dosi di 3.000-6.000 U.I. per via i.m. in associazione con altri provvedimenti clinici del caso.

Tabella: raccomandazioni per la profilassi del tetano nelle ferite.

Tipo di ferita Paziente non
immunizzato
Paziente immunizzato: intervallo
dall'ultima dose di richiamo
5-10 anni > 10 anni
netta, minore iniziare o
completare
immunizzazione
secondo calendario:
vaccino antitetanico
0,5 ml
nulla vaccino
antitetanico
0,5 ml
netta,
maggiore
o a rischio
di tetano
in un arto:
immunoglobulina
umana antitetanica,
250 U.I.; nell'arto
controlaterale:
vaccino antitetanico
0,5 ml*;completare
immunizzazione
secondo
calendario*
vaccino
antitetanico
0,5 ml
in un arto:
vaccino
antitetanico
0,5 ml; nell'arto
controlaterale:
immunoglobulina
umana
antitetanica
250 U.I.*
a rischio di
tetano, pulizia
chirurgica
ritardata o
incompleta
in un arto:
immunoglobulina
umana antitetanica
500 U.I.; nell'arto
controlaterale:
vaccino antitetanico
0,5 ml*;
completare poi
immunizzazione
secondo
calendario*;
terapia antibiotica
vaccino
antitetanico
0,5 ml,
terapia
antibiotica
in un arto: vaccino
antitetanico 0,5 ml;
nell'arto
controlaterale:
immunoglobulina
umana antitetanica
500 U.I.*; terapia
antibiotica
*Usare siringhe, aghi e siti di iniezione diversi.
Nota: usando diversi vaccini, il volume della singola dose di richiamo deve essere modificato secondo quanto indicato sulla confezione.

Metodo di somministrazione

Iniettare il prodotto a temperatura corporea lentamente per via i.m. profonda.

In caso di disturbi della coagulazione nei quali è controindicata l'iniezione per via i.m., Gamma-Tet P può essere somministrato per via sottocutanea. Una decisa compressione dovrebbe poi essere applicata sul sito dell'iniezione.

Se sono necessarie dosi complessive più elevate (³ 5 ml), si raccomanda un frazionamento delle dosi ed una somministrazione in siti diversi.

04.3 Controindicazioni - [Vedi Indice]

Poiché il tetano si associa ad un elevato rischio di morte, la sua terapia esclude ogni potenziale controindicazione (cfr. "Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso").

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - [Vedi Indice]

Il prodotto non deve essere somministrato per via intravasale (rischio di shock). Le iniezioni devono essere praticate i.m.; prima dell'iniezione ci si deve accertare che l'ago non sia in un vaso sanguigno (aspirare con lo stantuffo prima dell'iniezione).

Le franche reazioni allergiche a seguito di somministrazione di immunoglobuline antitetaniche i.m. correttamente eseguita, sono rare. In caso di shock si devono seguire le usuali indicazioni per la sua terapia.

I pazienti devono essere tenuti in osservazione per almeno 20 minuti dopo la somministrazione.

04.5 Interazioni - [Vedi Indice]

Vaccini con virus vivo attenuato

La somministrazione di immunoglobuline può ridurre, per un periodo da 6 settimane fino a 3 mesi, l'efficacia di vaccini a virus vivi attenuati, quali ad esempio morbillo, rosolia, parotite e varicella. Questa avvertenza va seguita per evitare che gli anticorpi contenuti nel Gamma-Tet P inibiscano la moltiplicazione virale necessaria per il successo della vaccinazione.

Interferenza con test sierologici

Dopo iniezione di immunoglobuline, il transitorio aumento di diversi anticorpi trasmessi passivamente nel sangue dei pazienti può causare falsi positivi nelle analisi sierologiche.



04.6 Gravidanza ed allattamento - [Vedi Indice]

La sicurezza del Gamma-Tet P durante la gravidanza non è stata definita con studi clinici controllati. La lunga esperienza clinica con immunoglobuline, in particolare la somministrazione di immunoglobulina anti-D, dimostra che non vi sono effetti dannosi sul decorso della gravidanza, sul feto e sul neonato.

I modelli animali non sono in grado di valutare l'eventuale tossicità poiché in essi si sviluppano anticorpi contro le proteine eterologhe (incompatibilità immunologica).

Le immunoglobuline vengono secrete nel latte materno e possono contribuire al trasferimento di anticorpi protettivi al neonato.

04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine - [Vedi Indice]

Non sono state segnalate interferenze del Gamma-Tet P sulla capacità di guidare e sull'uso di macchine.

04.8 Effetti indesiderati - [Vedi Indice]

Nel punto di iniezione si possono manifestare dolore e indolenzimenti locali, che possono essere evitati frazionando le dosi in punti diversi.

Talvolta si possono manifestare febbre, reazioni cutanee e brividi. In rari casi sono stati osservati nausea, vomito, ipotensione, tachicardia, reazioni di tipo allergico o anafilattico compreso lo shock.

Quando si somministrano prodotti derivati da sangue o plasma umano non possono essere escluse totalmente malattie infettive dovute alla trasmissione di agenti patogeni. Tale concetto si applica anche ad eventuali patogeni sconosciuti.

La riduzione del rischio di trasmissione di agenti infettivi è attuata attraverso la selezione dei donatori e delle donazioni utilizzando i test di screening disponibili, e mediante processi di eliminazione e/o inattivazione inclusi nelle metodiche di produzione.

04.9 Sovradosaggio - [Vedi Indice]

Non sono note conseguenze da sovradosaggio.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

- [Vedi Indice]

05.1 Proprietà farmacodinamiche - [Vedi Indice]

Gamma-Tet P contiene anticorpi contro le tossine tetaniche. Gamma-Tet P viene preparato da pool plasmatici di donatori contenenti anticorpi specifici contro le tossine del Clostridium tetani.

Attualmente, 0,01 U.I. di antitossina tetanica per ml di siero viene considerato il livello minimo al quale il tetano non si manifesta nel caso che tossina tetanica venga prodotta nel corpo umano.

05.2 Proprietà farmacocinetiche - [Vedi Indice]

Circa 20 minuti dopo la somministrazione i.m. si ottengono livelli sierici di anticorpi. Picchi sierici si osservano in genere 2-3 giorni dopo.

L'emivita degli anticorpi anti-tossina tetanica in circolo in soggetti con livelli normali di IgG è di 3-4 settimane.

Le IgG ed i complessi di IgG vengono metabolizzati nelle cellule del sistema reticolo-endoteliale.

05.3 Dati preclinici di sicurezza - [Vedi Indice]

Caratteristiche tossicologiche

Le immunoglobuline sono componenti normali dell'organismo. Negli animali l'esame della tossicità dopo dose singola non è rilevante in quanto dosi più elevate risultano nel sovradosaggio. Esami della tossicità dopo dosi ripetute e studi di tossicità embriofetale non possono essere eseguiti a causa della induzione di anticorpi e dell'interferenza con gli stessi. Effetti del prodotto sul sistema immunitario dei neonati non sono stati studiati.

Studi sperimentali, soprattutto in specie eterologhe, non sono stati ritenuti necessari poiché l'esperienza clinica non mostra segni di effetto cancerogeno o mutageno delle immunoglobuline.

Controlli sierologici di sicurezza virale

Ogni unità di plasma usata per la produzione di questo prodotto è stata controllata e trovata negativa per l'HBsAg, per l'anticorpo anti-HIV 1 e 2 e per l'anticorpo anti-HCV mediante test oggi ritenuti più attendibili. Inoltre questo prodotto è stato sottoposto a un procedimento durante il processo di produzione per ridurre il rischio di trasmissione di infezioni virali. Tra i vari passaggi produttivi, il frazionamento in etanolo contribuisce in misura rilevante alla frammentazione e/o alla inattivazione di virus potenzialmente contaminanti. Gamma-Tet P inoltre è sottoposto a trattamento al calore in soluzione acquosa per 10 ore a 60°C (pasteurizzazione).

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

- [Vedi Indice]

06.1 Eccipienti - [Vedi Indice]

1 ml di soluzione contiene: acido aminoacetico 22,5 mg, sodio cloruro 3 mg, acqua per preparazioni iniettabili q.b. a 1 ml. Non contiene conservanti.

06.2 Incompatibilità - [Vedi Indice]

Gamma-Tet P non deve essere posto in soluzione con altri farmaci.

06.3 Periodo di validità - [Vedi Indice]

La durata di stabilità del prodotto a confezionamento integro è di 3 anni.

Le fiale aperte vanno usate subito.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - [Vedi Indice]

Conservare tra +2 e +8 °C ed al riparo dalla luce.

06.5 Natura e contenuto della confezione - [Vedi Indice]

Fiale di vetro sterile.

Gamma-Tet P 250: 1 fiala da 250 U.I.

Gamma-Tet P 500: 1 fiala da 500 U.I.

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - [Vedi Indice]

Gamma-Tet P è pronto per l'uso e deve essere somministrato a temperatura corporea.

Le soluzioni che presentano torbidità o depositi non devono essere usate.

Il prodotto non deve essere usato dopo la scadenza della data riportata sul contenitore e sulla scatola.

home

- [Vedi Indice]

AVENTIS BEHRING GmbH, D-35002 Marburg (Germania)

Rappresentante per l'Italia: Aventis Behring S.p.A.

P.le S. Türr, 5 - 20149 Milano (MI)

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice]

Gamma-Tet P 250 AIC n. 022635041

Gamma-Tet P 500 AIC n. 022635054

09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO - [Vedi Indice]

Da vendersi dietro presentazione di ricetta medica.

10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - [Vedi Indice]

Rinnovo: 01.06.2000

xxy TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90 - [Vedi Indice]

Non pertinente.

12.0 - [Vedi Indice]

Maggio 2000.



Ultimo aggiornamento: 23/10/2012.
carloanibaldi.com - Copyright � 2000-2009. Tutti i diritti riservati.