xx

Torna alla pagina iniziale

     

 

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
Interazioni
04.6 Gravidanza ed allattamento
04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE
05.1 Proprietà farmacodinamiche
05.2 Proprietà farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilità
06.3 Periodo di validità
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
home

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO
10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
home

TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
12.0



     

 

- [Vedi Indice]

LAMISIL 250 mg compresse

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - [Vedi Indice]

Lamisil 250 mg Compresse - Ogni compressa da 250 mg contiene:

Principio attivo: terbinafina cloridrato 281,250 mg (pari a 250 mg di terbinafina base).

home

03.0 FORMA FARMACEUTICA - [Vedi Indice]

Compresse per uso orale.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

- [Vedi Indice]

04.1 Indicazioni terapeutiche - [Vedi Indice]

Infezioni micotiche cutanee, del cuoio capelluto e delle unghie causate da dermatofiti, ovvero da Trichophyton (es. T. rubrum, T. mentagrophytes, T. verrucosum, T. tonsurans, T. violaceum), Microsporum canis ed Epidermophyton floccosum. La somministrazione delle compresse è indicata nel trattamento delle micosi cutanee da dermatofiti (Tinea corporis, Tinea cruris, Tinea pedis e Tinea capitis), e delle infezioni cutanee da lieviti, sostenute per esempio dal genere Candida (es.: Candida albicans) per le quali la terapia orale è considerata appropriata in ragione della loro localizzazione, severità od estensione dell'infezione.

Onicomicosi (infezioni micotiche delle unghie) causate da funghi dermatofiti.

04.2 Posologia e modo di somministrazione - [Vedi Indice]

La durata del trattamento per via orale varia a seconda del tipo e della gravità dell'infezione e può eventualmente essere aumentata a giudizio del medico.

Adulti

Infezioni cutanee (Tinea pedis interdigitale, plantare e/o tipo mocassino, Tinea corporis, Tinea cruris e Candidiasi cutanea): 1 compressa da 250 mg una volta al giorno, per 2 settimane.

La completa risoluzione dei segni e sintomi dell'infezione può verificarsi diverse settimane dopo la guarigione micologica.

Onicomicosi: 1 compressa da 250 mg una volta al giorno.

La durata del trattamento per la maggior parte dei pazienti è compresa fra 6 settimane e 3 mesi. Periodi di trattamento inferiori a 3 mesi possono essere adeguati per pazienti con infezioni alle unghie delle mani e delle dita dei piedi diverse dall'alluce, in particolare per i pazienti più giovani, che hanno una normale velocità di crescita della lamina ungueale. Generalmente sono sufficienti 3 mesi di terapia; solo pochi pazienti, per lo più con onicomicosi dell'alluce, possono richiedere 6 mesi o più di terapia. Una ridotta crescita delle unghie durante la prima settimana di trattamento può facilitare l'identificazione di pazienti nei quali è indicata una terapia superiore a 3 mesi.

Una completa risoluzione dei segni e dei sintomi di infezione potrebbe richiedere diversi mesi dalla sospensione del trattamento (ovvero finche la crescita della lamina ungueale non ha determinato il completo ricambio della lamina stessa).

Bambini di età maggiore di 2 anni con peso superiore ai 12 kg

Posologia giornaliera
Peso corporeo Dosaggio
< 20 kg 62,5 mg
20 - 40 kg 125 mg
> 40 kg 250 mg

Durata del trattamento

2 - 4 settimane: infezioni micotiche cutanee e del cuoio capelluto

6 settimane - 3 mesi: onicomicosi

Nota: nei bambini si riscontra principalmente la Tinea capitis.

Pazienti anziani

Non sono emersi dati clinici che consiglino un diverso dosaggio di Lamisil compresse in pazienti anziani, né vi sono segnalazioni di effetti indesiderati differenti rispetto a quelli riscontrati in pazienti giovani. Tenere comunque in considerazione la possibilità di eventuali disfunzioni epatiche stabili o ridotta funzionalità renale pre-esistenti in questi pazienti (vedere "Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso").

04.3 Controindicazioni - [Vedi Indice]

Ipersensibilità verso i componenti o verso altre sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico.

Non somministrare al di sotto dei 2 anni di età.

Generalmente controindicato in gravidanza e durante l'allattamento (vedere p.to "Gravidanza e allattamento").

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - [Vedi Indice]

La terbinafina, somministrata per via orale, è inattiva nella Pityriasis versicolor.

In pazienti con gravi disfunzioni epatiche stabili o ridotta funzionalità renale preesistenti (clearance della creatinina inferiore a 50 ml/min. o creatinina sierica superiore a 300 mmoli/l), la dose normale deve essere dimezzata.

Bambini

A tutt'oggi non sono disponibili dati clinici in bambini di età inferiore a 2 anni.

Interazioni - [Vedi Indice]In base ai risultati di studi condotti in vitro e sul volontario sano, la somministrazione orale di terbinafina sembrerebbe non influenzare la clearance plasmatica dei farmaci che vengono metabolizzati tramite il sistema enzimatico del citocromo P450 (es. ciclosporina, tolbutamide o contraccettivi orali). Alcuni casi di irregolarità mestruali sono stati riscontrati in pazienti che hanno assunto Lamisil in concomitanza a contraccettivi orali, anche se l'incidenza di questi disordini rientra in quella delle pazienti che assumono contraccettivi orali da soli. D'altro canto la clearance plasmatica di terbinafina può essere accelerata da farmaci induttori del metabolismo (es.: rifampicina) e può essere inibita da farmaci che inibiscono il citocromo P450 (es.: cimetidina). Nei casi in cui si renda necessaria la somministrazione contemporanea di questi farmaci, occorre un adeguamento del dosaggio di Lamisil.



04.6 Gravidanza ed allattamento - [Vedi Indice]

Studi di tossicità fetale e di fertilità nell'animale non hanno evidenziato alcun effetto avverso.

Poiché l'esperienza clinica in donne in stato di gravidanza è molto limitata, Lamisil non deve essere utilizzato durante la gravidanza, se non in caso di effettiva necessità e sotto stretto controllo medico.

La terbinafina è escreta nel latte materno; perciò nelle pazienti che allattano occorre decidere se rinunciare a nutrire al seno il lattante ed iniziare il trattamento o, viceversa, proseguire l'allattamento evitando la somministrazione del medicinale.

04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine - [Vedi Indice]

Nessuno.

04.8 Effetti indesiderati - [Vedi Indice]

In genere Lamisil è ben tollerato.

Gli effetti indesiderati riscontrati sono stati da lievi a moderati e tutti transitori. I più frequenti sono stati: disturbi gastrointestinali (senso di pienezza gastrica, perdita di appetito, dispepsia, nausea, lieve dolore addominale, diarrea) o reazioni cutanee allergiche non gravi (rash, orticaria).

Sono stati segnalati casi isolati di reazioni gravi cutanee (es. sindrome di Stevens-Johnson, necrolisi epidermica tossica). Qualora si manifestasse un peggioramento del rash cutaneo, il trattamento con Lamisil deve essere interrotto.

Molto raramente è stata segnalata anche una transitoria perdita del senso del gusto, che viene riacquistato entro alcune settimane dopo l'interruzione del trattamento.

Sono stati segnalati casi isolati di disfunzione epatobiliare. Sebbene non sia stata stabilita una relazione causale con il farmaco, qualora si manifestassero disfunzioni epatobiliari, il trattamento con Lamisil deve essere sospeso.

Si sono manifestati rari casi di disordini ematologici, quali neutropenia o trombocitopenia.

04.9 Sovradosaggio - [Vedi Indice]

Finora è stato segnalato un solo caso di sovradosaggio accidentale. Dopo l'assunzione di 4 g di terbinafina, il paziente ha manifestato nausea, dolore epigastrico e vertigini. La guarigione è stata completa.

In caso di sovradosaggio si raccomanda l'eliminazione del farmaco mediante la somministrazione di carbone attivato accompagnato, in caso di necessità, da un trattamento sintomatico.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

- [Vedi Indice]

05.1 Proprietà farmacodinamiche - [Vedi Indice]

La terbinafina è un farmaco appartenente alla classe delle allilamine, con attività antifungina ad ampio spettro. A basse concentrazioni la terbinafina è fungicida nei confronti di dermatofiti, muffe ed alcuni funghi dimorfi. L'attività sui lieviti è specie-dipendente: su alcune specie è fungicida, su altre fungistatica.

La terbinafina interferisce specificatamente su un passaggio iniziale della biosintesi degli steroli fungini. Ciò provoca una diminuzione dell'ergosterolo (componente principale della membrana cellulare dei funghi) ed un accumulo intracellulare di squalene, con conseguente morte delle cellule fungine. La terbinafina, infatti, agisce tramite l'inibizione dell'enzima squalene-epossidasi nella membrana cellulare dei funghi. L'enzima squalene-epossidasi non è legato al sistema enzimatico del citocromo P450, per cui la terbinafina non influenza il metabolismo di ormoni o di altri farmaci.

Dopo somministrazione orale, la concentrazione di farmaco che si ritrova nella cute, nei peli e nelle unghie è fungicida.

05.2 Proprietà farmacocinetiche - [Vedi Indice]

Dopo una singola dose orale di 250 mg di terbinafina il picco di concentrazione plasmatica viene raggiunto in 2 ore ed è pari a 0,97 mg/ml. L'emivita di assorbimento è di 0,8 ore e quella di distribuzione di 4,6 ore. La biodisponibilità della terbinafina è debolmente influenzata dall'assunzione di cibo, ma non a livelli tali da richiedere un aggiustamento posologico.

La terbinafina si lega fortemente alle proteine plasmatiche (99%). Essa diffonde rapidamente attraverso il derma e si concentra nello strato corneo lipofilo. È secreta col sebo e quindi raggiunge elevate concentrazioni nei bulbi dei capelli e nelle zone cutanee ricche di peli e di sebo. È stato inoltre dimostrato che la terbinafina si distribuisce nelle lamine ungueali già durante le prime settimane di trattamento.

La terbinafina viene biotrasformata in metaboliti privi di attività antimicotica, che sono escreti principalmente con le urine. L'emivita di eliminazione è di 17 ore. Non c'è evidenza di accumulo del farmaco.

Non sono state osservate modificazioni della farmacocinetica legate all'età; il grado di eliminazione può risultare ridotto in soggetti con alterata funzionalità epatica o renale, con conseguente aumento dei livelli ematici di terbinafina.

05.3 Dati preclinici di sicurezza - [Vedi Indice]

La DL50 orale della terbinafina è superiore a 4 g/kg sia nel topo che nel ratto.

Studi a lungo termine per via orale (fino ad 1 anno) effettuati sul ratto e sul cane non hanno evidenziato effetti tossici marcati in ciascuna specie fino alle dosi di circa 100 mg/kg/die. Ad alti dosaggi, il fegato e probabilmente anche il rene sono stati identificati quali potenziali organi bersaglio.

In uno studio di cancerogenesi nel topo trattato per via orale per 2 anni, non si sono evidenziate neoplasie o altre anomalie attribuibili al trattamento con dosi fino a 130 mg/kg/die (maschi) e a 156 mg/kg/die (femmine). Nel ratto trattato oralmente per 2 anni ai dosaggi più elevati pari a 69 mg/kg/die, è stato osservato nei maschi un aumento dell'incidenza dei tumori epatici. Queste alterazioni sono risultate essere specie-specifiche in quanto non sono state riscontrate nel topo o nella scimmia.

Nella scimmia alte dosi di Lamisil hanno determinato alterazioni nella rifrazione oculare alle dosi più alte (livello di dose non tossico: 50 mg/kg). Queste alterazioni sono state associate alla presenza di un metabolita di Lamisil nel tessuto oculare e sono scomparse dopo l'interruzione del trattamento. Esse non sono state accompagnate da variazioni istologiche.

Una batteria di tests di genotossicità "in vitro" e "in vivo", comprendenti il test di Ames, la valutazione mutagenica nelle cellule ovariche dell'hamster cinese, il test dell'aberrazione cromosomica, degli scambi tra cromatidi fratelli e del micronucleo nel topo, non ha evidenziato alcun potenziale mutageno o clastogeno del farmaco.

Negli studi condotti nel ratto o nel coniglio non si sono osservati effetti sulla fertilità o sugli altri parametri riproduttivi.

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

- [Vedi Indice]

06.1 Eccipienti - [Vedi Indice]

Lamisil 250 mg Compresse

Magnesio stearato, silice colloidale anidra, ipromellosa, carbossimetilamido sodico A, cellulosa microcristallina.

06.2 Incompatibilità - [Vedi Indice]

Nessuna.

06.3 Periodo di validità - [Vedi Indice]

Compresse da 250 mg: 48 mesi

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - [Vedi Indice]

Le compresse devono essere conservate al riparo dalla luce.

06.5 Natura e contenuto della confezione - [Vedi Indice]

Lamisil 250 mg compresse

Confezione da 8 compresse da 250 mg in blister di PVC/Al.

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - [Vedi Indice]

Nessuna.

home

- [Vedi Indice]

NOVARTIS FARMA S.p.A.

S.S. 233 (Varesina) Km 20,5 - 21040 Origgio (VA)

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice]

Lamisil 8 compresse da 250 mg AIC n. 028176028

09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO - [Vedi Indice]

-----

10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - [Vedi Indice]

Prima autorizzazione: 12.12.1992

Rinnovo: 16.12.1997

home

TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
- [Vedi Indice]

-----

12.0 - [Vedi Indice]

Luglio 2000



Ultimo aggiornamento: 23/10/2012.
carloanibaldi.com - Copyright � 2000-2009. Tutti i diritti riservati.