RELENZA
torna all'INDICE farmaci


Google  CERCA FARMACI NEL SITO

  www.carloanibaldi.com

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE
05.1 Propriet� farmacodinamiche
05.2 Propriet� farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilit�
06.3 Periodo di validit�
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO
10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -[Vedi Indice].

� - [Vedi Indice] RELENZA

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - [Vedi Indice].

Ciascuna quantit� di polvere per inalazione pre-dosata (un alveolo) contiene 5 mg di zanamivir.Ciascuna inalazione erogata (la quantit� rilasciata dall�inalatore del Diskhaler), contiene 3,6 mg di zanamivir.

03.0 FORMA FARMACEUTICA - [Vedi Indice].

Polvere per inalazione pre-dosata

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - [Vedi Indice].

04.1 Indicazioni terapeutiche - [Vedi Indice].

Relenza � indicato per il trattamento dell�influenza, sostenuta sia da virus di tipo A che di tipo B, negliadulti e adolescenti di et� uguale o maggiore di 12 anni, che manifestano i sintomi tipici dell�influenza in presenza di influenza circolante nella comunit�.

04.2 Posologia e modo di somministrazione - [Vedi Indice].

Pazienti con compromissione renale o epatica:Non viene richiesta alcuna modifica della posologia (Vedi 5.2 Propriet� farmacocinetiche).Pazienti anziani:Non viene richiesta alcuna modifica della posologia (Vedi 5.2 Propriet� farmacocinetiche).I farmaci somministrati per inalazione, ad esempio i medicinali per la cura dell�asma, devono essere inalati prima della somministrazione di Relenza (vedi sezione 4.4.).

04.3 Controindicazioni - [Vedi Indice].

Ipersensibilit� nota ad ogni componente della preparazione.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - [Vedi Indice].

Il trattamento deve iniziare il pi� presto possibile, entro 48 ore dopo l�insorgenza dei sintomi.Relenza va somministrato per via inalatoria orale utilizzando l�apposito inalatore �Diskhaler� fornito con laconfezione.
Per ogni inalazione deve essere usato un alveolo.La dose raccomandata di Relenza � di 2 inalazioni (2 x 5 mg) due volte al giorno per 5 giorni, per un totale di 20 mg al giorno di dose inalataA causa del limitato numero di pazienti con asma grave o con altre malattie respiratorie croniche, pazienti con malattie croniche instabili o pazienti immunocompromessi (vedi sezione 5.1) che sono stati trattati, non � stato possibile dimostrare l'efficacia e la sicurezza di Relenza in questi gruppi.
L�esperienza clinica nei pazienti anziani � limitata (vedi sezione 5.1).Sono stati riportati casi rarissimi di pazienti in trattamento con Relenza che hanno avuto broncospasmo e/o peggioramento anche acuto e/o grave della funzione respiratoria.Alcuni di questi pazienti non avevano precedenti di malattie respiratorie.
I pazienti che manifestano tali reazioni devono sospendere Relenza ed immediatamente richiedere il consiglio del medico.A causa della limitata esperienza, i pazienti con asma grave richiedono un'attenta valutazione del rischio in relazione al beneficio atteso e Relenza non deve essere somministrato senza che siano disponibili un attento controllo medico e adeguati strumenti clinici in caso di broncocostrizione.
Nei pazienti con asma persistente e grave broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) la gestione della malattia di base deve essere ottimizzata durante la terapia con Relenza.Nel caso zanamivir sia considerato appropriato per pazienti con asma o broncopneumopatia cronica ostruttiva, il paziente deve essere informato del potenziale rischio di broncospasmo con Relenza e deve avere a disposizione un broncodilatatore a rapida insorgenza di azione.I pazienti in terapia di mantenimento con broncodilatatori devono essere avvertiti di usare il loro broncodilatatore prima di assumere zanamivir (vedi sezione 4.2.).

04.5 Interazioni - [Vedi Indice].

Zanamivir non si lega alle proteine plasmatiche e non � metabolizzato o modificato a livello epatico.Sono improbabili interazioni clinicamente significative con altri farmaci.Zanamivir, somministrato per 28 giorni, non riduce la risposta immunitaria protettiva al vaccino dell�influenza.

04.6 Gravidanza e allattamento - [Vedi Indice].

GravidanzaNon � stata stabilita la sicurezza dell�impiego di Relenza durante la gravidanza.Nei ratti e nei conigli, zanamivir ha dimostrato di attraversare la placenta.
Alti dosaggi di zanamivir non erano associati con malformazioni nei ratti e nei conigli e sono state riportate solo alterazioni minori.Il rischio potenziale per l�uomo � sconosciuto.Relenza non deve essere somministrato in gravidanza a meno che il beneficio atteso per la madre non superi ogni possibile rischio per il feto.AllattamentoNel ratto � stato dimostrato che zanamivir viene secreto nel latte.
Tuttavia non si hanno informazioni sulla secrezione nel latte materno umano.Non si raccomanda l�uso di zanamivir nelle madri che allattano al seno.

04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine - [Vedi Indice].

Non noti

04.8 Effetti indesiderati - [Vedi Indice].

Dati dagli studi clinici Gli eventi avversi pi� frequentemente riportati come segni e sintomi nasali, cefalea, sintomi gastro-intestinali, infezioni dell'orecchio, del naso e della gola, bronchite e tosse si sono verificati con la medesima frequenza sia nei soggetti trattati con Relenza che in quelli trattati con placebo.Negli studi di trattamento il 38% di coloro che ricevevano placebo ha riportato un evento avverso durante il trattamento in confronto con il 33% di coloro che ricevevano zanamivir.
La natura degli eventi avversi riportati pi� frequentemente negli studi clinici (ad una frequenza fino al 4%) come segni e sintomi nasali, cefalea, sintomi gastro-intestinali, bronchite e tosse, � tipica delle manifestazioni dell�influenza.
La percentuale di pazienti che ha riportato eventi avversi considerati in relazione con il trattamento, era simile sia nei soggetti trattati con zanamivir che in quelli trattati con placebo (13% e 11% rispettivamente).In uno studio di trattamento in pazienti con asma di entit� prevalentemente lieve/moderata e/o Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO), la natura e la frequenza degli eventi avversi � risultata simile tra i gruppi di trattamento (il 42% di coloro che ricevevano placebo ha riportato un evento avverso durante il trattamento in confronto con il 38% di coloro che ricevevano zanamivir).
Gli eventi avversi pi� frequentemente riportati erano riferiti alle basse vie respiratorie, a orecchio, naso e gola (comprendenti asma, bronchite e sinusite).
Riguardo a ci�, il profilo degli eventi avversi di coloro che ricevevano sia placebo che zanamivir era differente rispetto agli adulti altrimenti sani.
La percentuale di pazienti che ha riportato eventi avversi considerati in relazione con il trattamento, � risultata simile sia nei soggetti trattati con zanamivir che in quelli trattati con placebo (9%).Dati post-marketing Sono stati riportati rari casi di pazienti con pre-esistenti malattie respiratorie (asma, BPCO) e casi rarissimi di pazienti senza una pre-esistente malattia respiratoria in cui si � manifestato broncospasmo acuto e/o grave peggioramento della funzione respiratoria dopo l'uso di zanamivir (vedi sezione 4.4).Varie:Rarissimi: edema facciale e orofaringeoRespiratorio:Rarissimi: broncospasmo, dispnea, senso di restringimento o costrizione della golaPelle:Rarissimi: rash, orticaria

04.9 Sovradosaggio - [Vedi Indice].

Un sovradosaggio accidentale � improbabile a causa delle limitazioni fisiche imposte dalla somministrazione inalatoria, e della scarsa biodisponibilit� orale (2-3%) di zanamivir.
Sono state somministrate per inalazione orale (mediante un nebulizzatore) dosi di zanamivir fino a 64 mg/die (circa 3 volte la dose massima giornaliera raccomandata) senza che si siano manifestati effetti avversi.
Inoltre, l�esposizione sistemica mediante somministrazione endovenosa fino a 1.200 mg /die per 5 giorni, non ha mostrato effetti avversi.

05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE - [Vedi Indice].

05.1 Propriet� farmacodinamiche - [Vedi Indice].

Codice ATC: J05AH01Meccanismo d’azione Zanamivir è un inibitore selettivo della neuroaminidasi, proteina enzimatica di superficie presente nelle membrane virali del virus dell’influenza.L’inibizione della neuroaminidasi avvienein vitro a concentrazioni molto basse di zanamivir (inibizione del 50% a 0,64nM - 7,9nM, sia contro il ceppo virale A e B).La neuroaminidasi virale favorisce il rilascio di nuove particelle virali neo sintetizzate, dalle cellule infettate, e può facilitare l’accesso del virus attraverso il muco verso la superficie delle cellule epiteliali, per permettere l’infezione virale di altre cellule.
L’inibizione di questo enzima siain vivo chein vitro, limita la replicazione del virus di tipo A e di tipo B, e comprende tutti i sottotipi di neuroaminidasi conosciuti del virus dell’influenza A.L’attività di zanamivir avviene a livello extracellulare.
Zanamivir riduce la propagazione dei virus dell’influenza A e B attraverso l’inibizione del rilascio di virioni infettivi dell’influenza dalle cellule epiteliali del tratto respiratorio.
La replicazione del virus è limitata all’epitelio superficiale del tratto respiratorio.
L’efficacia di una somministrazione locale di zanamivir nel tratto respiratorio, è stata confermata negli studi clinici.
Al momento non sono stati riscontrati virus dotati di ridotta sensibilità a zanamivir nei campioni ottenuti pre e post trattamento da pazienti negli studi clinici.Esperienza clinicaRelenza allevia i sintomi dell’influenza e riduce la loro durata mediana di 1,5 giorni (range 1,0 - 2,5) come viene specificato nella tabella di seguito.
L’efficacia di Relenza è stata dimostrata nei soggetti altrimenti sani se il trattamento è iniziato entro 48 ore dall’insorgenza dei sintomi.Non è stato documentato un beneficio nei pazienti affetti da influenza senza febbre (< 37,8°C).Sono stati condotti quattro studi multicentrici di fase III randomizzati, controllati con placebo a gruppi paralleli (NAIB3001, NAIA3002, NAIB3002 e NAI30008) con zanamivir per il trattamento dell’influenza A e B acquisita naturalmente. Lo studio NAI30008 ha arruolato solo pazienti con asma (n="3"99), BPCO (n=87), o asma e BPCO (n="3"2).
La popolazione Intent to Treat di questi quattro studi, comprendeva 2113 pazienti dei quali 1075 hanno ricevuto 10 mg di zanamivir due volte al giorno per inalazione orale.
Il principale parametro di valutazione dell’efficacia era identico per tutti e quattro gli studi di fase III, ad esempio il tempo alla scomparsa dei segni e dei sintomi clinicamente significativi dell’influenza.
La scomparsa era definita come assenza di febbre (temperatura <37,8°C e assenza di sensazione soggettiva di febbre) e assenza, o presenza solo in forma lieve dei sintomi correlati (cefalea, mialgia, tosse, mal di gola) per un periodo di almeno 24 ore consecutive.Confronto del tempo mediano (giorni) di scomparsa dei sintomi dell’influenza:Popolazione positiva all’influenza

Studio Placebo Zanamivir10 mg inalati due volte al giorno Differenza in Giorni (95% CI)valore di p
NAIB3001 n=1606.0 n=1614.5 1.5 (0.5, 2.5)0.004
NAIA3002 n ="2"576.0 n="3"125.0 1.0 (0.0, 1.5)0.078
NAIB3002 n =1417.5 n=1365.0 2.5 (1.0, 4.0)<0.001
Analisi combinata di NAIB3001, NAIA3002, NAIB3002 n ="5"586.5 n="6"095.0 1.5 (1.0, 2.0)<0.001
Studio asma/BPCONAI30008 n =1537.0 n=1605.5 1.5 (0.5, 3.25)<0.009
Nella popolazione Intent to Treat (ITT) la differenza nel tempo alla scomparsa dei sintomi è stata 1.0 giorno (95% CI: da 0,5 a1,5) nell’analisi combinata degli studi NAIB3001, NAIA3002, NAIB3002 e 1.0 giorno (95% CI: da 0 a 2) nello studio NAI30008.I dati di efficacia sono limitati negli anziani.
I quattro studi clinici di trattamento includevano 117 pazienti di oltre 65 anni di età, dei quali 89 erano positivi all’influenza e di questi, 45 erano trattati con zanamivir. Si è osservata una riduzione di 1,5 giorni nel tempo alla scomparsa dei sintomi dell’influenza (95% CI: da 3 a 8 giorni).In un’analisi combinata di pazienti con influenza B (n=155) che includeva 76 pazienti trattati con zanamivir, si è osservato un beneficio del trattamento di 2 giorni (95% CI: da 0,5 a 3,50; p= 0,010).In un’analisi complessiva dei tre studi di fase III nei soggetti positivi all’influenza, per la maggior parte adulti sani, l’incidenza delle complicanze è stata di 152/558 (27%) nei soggetti che ricevevano placebo e di 119/609 (20%) nei soggetti che ricevevano zanamivir (rischio relativo 0,73; 95% CI da 0,59 a 0,90, p=0,004).
Nello studio NAI30008 che arruolava pazienti con asma e BPCO, l’incidenza delle complicanze è stata di 56/153 (37%) nei soggetti positivi all’influenza che ricevevano placebo e di 52/160 (33%) nei soggetti positivi all’influenza che ricevevano zanamivir (rischio relativo 0,89; 95% CI da 0,65 a 1,21, p=0,520).In uno studio controllato con placebo, in pazienti con asma di entità prevalentemente lieve/moderata e/o broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), non è stata evidenziata alcuna differenza clinicamente significativa tra zanamivir e placebo nel volume espiratorio forzato in un secondo (FEV1) o nel picco di flusso espiratorio (PEFR), misurati durante e dopo la fine del trattamento.

05.2 Propriet� farmacocinetiche - [Vedi Indice].

Assorbimento: studi di farmacocinetica nell�uomo hanno dimostrato che la biodisponibilit� totale del farmaco � bassa [la media (min-max) � del 2% (1%-5%)].
Studi simili di zanamivir inalato per via orale indicano che circa 10-20% della dose � assorbita a livello sistemico con un picco della concentrazione sierica entro 1-2 ore.Lo scarso assorbimento del farmaco risulta in una bassa concentrazione sistemica di zanamivir dopo inalazione orale.Non si evidenzia alcuna modifica nella cinetica dopo dosi ripetute per somministrazione per inalazione orale.Distribuzione: dopo inalazione orale, zanamivir si deposita in maniera estesa ad alte concentrazioni nel tratto respiratorio portando in questo modo il farmaco nel sito dell�infezione dell�influenza.
Dopo somministrazione di una singola dose di 10 mg, le concentrazioni di zanamivir sono state misurate nell� espettorato indotto.
Le concentrazioni di zanamivir di 337 (range 58-1593) e 52 (range 17-286) volte sopra la mediana della neuroaminidasi virale IC50 venivano misurate a 12 ore e 24 ore rispettivamente.
L�alta concentrazione di zanamivir nel tratto respiratorio provoca una rapida inibizione della neuroaminidasi virale.
Il maggior sito diretto di deposizione � quello orofaringeo (media 78%) da dove zanamivir viene rapidamente eliminato verso il tratto gastrointestinale.
La quantit� depositata precocemente nei polmoni varia tra l�8 e il 21%.Metabolismo: � stato dimostrato che zanamivir viene escreto a livello renale come farmaco immodificato e non viene metabolizzato.
Studiin vitro hanno dimostrato che zanamivir non induce l�attivit� di una serie di isoenzimi substrati per il citocromo P450 (CYP1A/2, A6, 2C9, 2C18, 2D6; 2E1, 3A4) nei microsomi epatici umani e non induce l�espressione del citocromo P450 nei ratti, suggerendo che siano improbabili interazione a livello metabolico con altri farmaciin vivo.Eliminazione: l�emivita sierica di zanamivir in seguito a somministrazione per inalazione orale, � compresa in un intervallo tra 2,6 e 5,05 ore.
Esso viene interamente escreto immodificato nelle urine.
Il valore totale di clearance � compreso fra 2,5 e 10,9 L/ora come calcolato approssimativamente sulla base della clearance renale.
L�eliminazione renale viene completata entro 24 ore.Pazienti con compromissione renale: circa il 10-20% della dose inalata di zanamivir viene assorbita.
Nel gruppo di pazienti con compromissione renale grave arruolati nello studio di somministrazione singola endovenosa, i soggetti sono stati sottoposti a prelievo dopo una dose endovenosa di 2 mg, equivalente a 2 - 4 volte l�esposizione attesa dopo l�inalazione.Usando un normale dosaggio (10 mg due volte al giorno) l�esposizione prevista al quinto giorno � 40 volte inferiore di quella tollerata in soggetti sani dopo ripetute somministrazioni endovenose.Considerata l�importanza delle concentrazioni locali, la bassa esposizione sistemica e la precedente tollerabilit� dimostrata da esposizioni molto pi� elevate, non si ritiene necessario alcun aggiustamento della dose.Pazienti con compromissione epatica: Zanamivir non viene metabolizzato, pertanto non � richiesto alcun aggiustamento della posologia in pazienti con compromissione epatica.Pazienti anziani: alla dose terapeutica di 20 mg al giorno, la biodisponibilit� � bassa (10-20%) e per questo non vi � una significativa esposizione a livello sistemico del paziente a zanamivir.
E� improbabile che qualsiasi alterazione dei parametri farmacocinetici che si possa verificare con l�et�, abbia un�implicazione clinica e pertanto, non � richiesta alcuna modificazione della posologia.

05.3 Dati preclinici di sicurezza - [Vedi Indice].

Studi generali di tossicit� non hanno dimostrato alcuna tossicit� significativa di zanamivir.Zanamivir non si � dimostrato genotossico e non � stato rilevato alcun segno clinicamente significativo in studi di cancerogenesi a lungo termine nel ratto e nel topo.

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - [Vedi Indice].

06.1 Eccipienti - [Vedi Indice].

Lattosio monoidrato

06.2 Incompatibilit� - [Vedi Indice].

Non sono note incompatibilit�

06.3 Periodo di validit� - [Vedi Indice].

3 anni

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - [Vedi Indice].

Il blister circolare di Relenza, chiamato Rotadisk, non deve essere conservato a temperatura superiore a 30oC.

06.5 Natura e contenuto della confezione - [Vedi Indice].

Relenza polvere per inalazione � confezionato in blister circolari laminati in alluminio (Rotadisk) muniti di quattro alveoli regolarmente distanziati tra loro.
Il Diskhaler, inalatore in materiale plastico azionato dall�inspirazione, viene impiegato per la somministrazione delle dosi (il contenuto di due alveoli costituisce una dose) dei blister circolari ed � fornito nella confezione.La confezione consiste di 1 o 5 Rotadisk (4 alveoli in ogni Rotadisk) e un Diskhaler.

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - [Vedi Indice].

L�inalatore (Diskhaler) � caricato con un blister circolare (Rotadisk) contenente la polvere inalatoria contenuta nei singoli alveoli.
Questi alveoli vengono perforati con l�uso dell�inalatore e, mediante una profonda inspirazione, la polvere pu� venire inalata attraverso il boccaglio nel tratto respiratorio.
Nella confezione sono contenute le istruzioni per l�uso.

07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

GlaxoSmithKline S.p.A.
- Via Fleming, 2 Verona

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

1 Rotadisk da 4 alveoli da 5 mg per alveolo A.I.C.: 034497014/M5 Rotadisk da 4 alveoli da 5 mg per alveolo A.I.C.: 034497026/M

09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO - [Vedi Indice].

-----

10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - [Vedi Indice].

19 ottobre 1999

11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90 - [Vedi Indice].

-----

12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - [Vedi Indice].

Dicembre 2001

 

home

 


Ultimo aggiornamento: 15/12/2012
carloanibaldi.com - Copyright � 2000-2012 - Anibaldi.it@Network - Tutti i diritti riservati.
[http://www.carloanibaldi.com/terapia/schede/summary.htm]