RIABAL
torna all'INDICE farmaci


Google  CERCA FARMACI NEL SITO

  www.carloanibaldi.com

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE
05.1 Propriet� farmacodinamiche
05.2 Propriet� farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilit�
06.3 Periodo di validit�
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO
10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -[Vedi Indice].

- [Vedi Indice] RIABAL

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - [Vedi Indice].

Ogni confetto contiene: Principio attivo: prifinio bromuro 30 mgOgni supposta contiene:Principio attivo: prifinio bromuro 60 mgOgni fiala da 2 ml contiene:Principio attivo: prifinio bromuro 15 mg

03.0 FORMA FARMACEUTICA - [Vedi Indice].

Confetti, Supposte, Soluzione iniettabile.�

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - [Vedi Indice].

04.1 Indicazioni terapeutiche - [Vedi Indice].

Stati spastici della muscolatura liscia.

04.2 Posologia e modo di somministrazione - [Vedi Indice].

Adulti Confetti: 1-2 confetti 3 volte al giorno;Supposte: 1 supposta 3-4 volte al giorno;Fiale: 1 fiala 2-4 volte al giorno (endovena, intramuscolo o sottocute); l'impiego delle fiale � particolarmente indicato nel trattamento delle coliche, specie se molto dolorose.�

04.3 Controindicazioni - [Vedi Indice].

Quelle usuali di tutti i farmaci parasimpaticolitici.
Riabal pertanto � controindicato in pazienti con glaucoma, ipertrofia prostatica, sindrome da ritenzione urinaria, stenosi pilorica, sindrome da ostruzione intestinale, ileo paralitico, megacolon, colite ulcerosa, miastenia grave, tachicardia.
Ipersensibilit� individuale accertata verso il farmaco.�

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - [Vedi Indice].

Riabal va usato con cautela nelle seguenti condizioni: affezioni del sistema nervoso autonomo, insufficienza epatica e/o renale, ipertiroidismo, coronaropatie, insufficienza cardiaca congestizia, aritmie cardiache, bronchite cronica, iperpiressia.L'insorgenza di eventuali manifestazioni di ipersensibilit� (di qualsiasi tipo e sede) impone l'interruzione del trattamento e l'adozione di adeguate misure terapeutiche.Tenere fuori dalla portata dei bambini.

04.5 Interazioni - [Vedi Indice].

Evitare la contemporanea somministrazione di Riabal con altri farmaci che possono potenziarne gli effetti di tipo anticolinergico quali antistaminici, fenotiazine, antidepressivi triciclici, antiparkinsoniani, anticolinergici, disopiramide.
Sebbene Riabal sia sprovvisto di azione centrale � opportuno evitare la contemporanea somministrazione di ipnotici.

04.6 Gravidanza e allattamento - [Vedi Indice].

Riabal � sprovvisto di effetti teratogeni: tuttavia in gravidanza e durante l'allattamento si consiglia la somministrazione solo in caso di effettiva necessit�.�

04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine - [Vedi Indice].

Coloro che guidano autoveicoli o utilizzano macchine devono essere avvertiti che il farmaco pu� indurre sonnolenza e disturbi del visus.

04.8 Effetti indesiderati - [Vedi Indice].

Con Riabal si possono osservare: secchezza delle fauci, aumento della viscosit� del secreto bronchiale, nausea, gastralgie, vomito, distensione addominale, stipsi, ritenzione urinaria, disturbi del visus, senso di stordimento, sonnolenza, agitazione psicomotoria, insonnia, cefalea, vertigini, tachicardia, palpitazioni, disuria, fenomeni allergici.
� stata segnalata con l'uso del prodotto per via parenterale l'insorgenza di una azione allergica a tipo eruzione cutanea.

04.9 Sovradosaggio - [Vedi Indice].

In caso di sovradosaggio possono comparire secchezza delle fauci, disturbi dell'accomodazione, midriasi, si consiglia: induzione di vomito in caso di assunzione del farmaco per via orale, l'impiego di parasimpaticomimetici (prostigmina) ed adeguato trattamento sintomatico.
In caso di dosaggio molte volte superiore a quello terapeutico possono comparire effetti di tipo ganglioplegico e curarizzante che richiedono la messa in atto di un trattamento adeguato (somministrazione di parasimpaticomimetici, assistenza respiratoria e cardiaca in ambiente ospedaliero).

05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE - [Vedi Indice].

05.1 Propriet� farmacodinamiche - [Vedi Indice].

Il Prifinio bromuro, principio attivo di Riabal, � uno spasmolitico di sintesi ad attivit� anticolinergica postgangliare di tipo atropinico; esso possiede uno spiccato tropismo per i recettori muscarinici.

05.2 Propriet� farmacocinetiche - [Vedi Indice].

Dopo somministrazione endovenosa il prifinio bromuro viene rapidamente rimosso dal plasma entro la prima ora per poi decrescere gradualmente durante le 7 ore successive.
Il 48% del somministrato viene escreto con le urine immodificato.
La farmacocinetica del prifinio bromuro dopo somministrazione orale presenta un massimo di assorbimento entro 2-3 ore, con emivita di circa 2 ore, similmente a quanto si verifica dopo trattamento endovenoso.�

05.3 Dati preclinici di sicurezza - [Vedi Indice].

Le caratteristiche tossicologiche del prodotto sono tali da garantire notevole sicurezza nell'impiego clinico.
I reperti ottenuti negli studi di tossicit� cronica non hanno evidenziato alterazioni macro o microscopiche dei vari organi n� modificazioni importanti dei dati bioumorali.
Gli studi teratologici non hanno evidenziato interferenze di Riabal sullo sviluppo fetale.�

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - [Vedi Indice].

06.1 Eccipienti - [Vedi Indice].

Ogni confetto contiene: amido, calcio carbossimetilcellulosa, destrina, lattosio, magnesio stearato, silice precipitata.
Rivestimento: cera bianca, cera carnauba, giallo chinolina E 104, gomma arabica, gomma lacca, olio di ricino, paraffina liquida, polisorbitanmonopalmitato, saccarosio, talco, titanio biossido.Ogni supposta contiene: trigliceridi di acidi grassi condensati, witepsol E/75, witepsol H12.Ogni fiala contiene: sodio cloruro, acqua p.p.i.
q.b.�

06.2 Incompatibilit� - [Vedi Indice].

Non sono note.�

06.3 Periodo di validit� - [Vedi Indice].

Confetti: 5 anni.Supposte: 3 anni.Fiale: 5 anni.�

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - [Vedi Indice].

Non sono necessarie.�

06.5 Natura e contenuto della confezione - [Vedi Indice].

Scatola da 30 confetti 30 mg Scatola da 6 supposte 60 mg Scatola da 6 fiale 15 mg (2 ml) �

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - [Vedi Indice].

Per una maggiore praticit� d'impiego si raccomanda di mettere le supposte in frigorifero od in acqua ghiacciata per qualche minuto prima dell'uso.�

07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

Istituto Biochimico Italiano GIOVANNI LORENZINI S.p.A.Via Tucidide, 56 - Torre 6 - 20134 Milano (MI)

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

30 confetti 30 mg AIC n.
0235440366 supposte 60 mg AIC n.
0235440486 fiale da 15 mg 2 ml AIC n.
023544024�

09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO - [Vedi Indice].

Da vendersi su presentazione di ricetta medica.�

10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - [Vedi Indice].

Giugno 1995�

11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90 - [Vedi Indice].

Riabal non rientra in tale decreto.�

12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - [Vedi Indice].

Giugno 2000

 

home

 


Ultimo aggiornamento: 15/12/2012
carloanibaldi.com - Copyright � 2000-2012 - Anibaldi.it@Network - Tutti i diritti riservati.
[http://www.carloanibaldi.com/terapia/schede/summary.htm]