xx

Torna alla pagina iniziale

     

 

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
Interazioni
04.6 Gravidanza ed allattamento
04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE
05.1 Proprietà farmacodinamiche
05.2 Proprietà farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilità
06.3 Periodo di validità
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
home

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO
10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
home

TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
12.0



     

 

- [Vedi Indice]

SEPICAL

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - [Vedi Indice]

Una compressa effervescente contiene:

Principio attivo: calcio carbonato 2,5 g (corrispondente a 1 g di calcio).

home

03.0 FORMA FARMACEUTICA - [Vedi Indice]

Compresse effervescenti.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

- [Vedi Indice]

04.1 Indicazioni terapeutiche - [Vedi Indice]

Trattamento e prevenzione del deficit di calcio. Stati patologici in cui è richiesta un'aumentata assunzione di calcio.

04.2 Posologia e modo di somministrazione - [Vedi Indice]

1 compressa al giorno (pari a 1 g di calcio).

Sciogliere la compressa effervescente in un bicchiere d'acqua e bere immediatamente dopo la soluzione.

Non superare le dosi consigliate. Attenersi strettamente alla prescrizione medica.

L'uso del prodotto è riservato ai soggetti adulti.

04.3 Controindicazioni - [Vedi Indice]

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Ipercalcemia e ipercalciuria. Litiasi calcica (calcoli renali). Insufficienza renale grave.

In caso di immobilizzazione prolungata, che è accompagnata da ipercalcemia e/o ipercalciuria, il trattamento calcico deve essere iniziato solo alla ripresa della mobilizzazione.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - [Vedi Indice]

La somministrazione supplementare di calcio è ugualmente richiesta solo quando la quantità assunta con la dieta è insufficiente.

I sali di calcio, somministrati ad alte dosi e/o per periodi prolungati, possono causare ipercalcemia, soprattutto nei soggetti con insufficienza renale. Essi pertanto devono essere usati con cautela e, nei portatori di malattie renali e cardiovascolari, solo quando indispensabili.

In caso di trattamenti prolungati è necessario controllare periodicamente la calcemia (i cui livelli devono essere mantenuti entro valori di 9-10 mg/100 ml), e la calciuria e, in funzione di questi, la dose va eventualmente ridotta.

Se la calcemia supera i valori indicati e se la calciuria supera 7,5 mmol/24 ore (300 mg/24 ore), il trattamento dev'essere interrotto.

Interazioni - [Vedi Indice]Salvo specifica indicazione del Medico, non associare prodotti contenenti vitamina D; in caso di associazione occorre effettuare regolarmente il dosaggio del calcio nel sangue e nelle urine.

In caso di trattamento concomitante con digitalici, poiché per il sinergismo dei medesimi con il calcio si possono verificare gravi disturbi nella funzionalità cardiaca, la somministrazione del calcio (specialmente se associata a quella di vitamina D) richiede una sorveglianza regolare e sarà compito del Medico imporre un preciso calendario dei controlli.

In caso di trattamento concomitante con tetracicline, assunte per via orale, la somministrazione dei due farmaci deve essere distanziata di almeno 3 ore.

Nel caso di trattamento concomitante con prodotti a base di fluoruro di sodio è consigliabile che l'assunzione del calcio sia distanziata nel tempo da quella del fluoruro di sodio.

Per evitare eventuali interazioni con altri farmaci, segnalare sistematicamente al proprio Medico ogni altra terapia concomitante.



04.6 Gravidanza ed allattamento - [Vedi Indice]

Il fabbisogno giornaliero di calcio dell'adulto è di 1000 mg; durante la gravidanza e l'allattamento è di 1200 mg.

Il calcio è escreto nel latte materno.

04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine - [Vedi Indice]

Non sono stati osservati effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine.

04.8 Effetti indesiderati - [Vedi Indice]

Costipazione, flatulenza, nausea.Ipercalcemia (in caso di trattamento prolungato) con nausea, vomito, stipsi, dolori addominali, sete, poliuria, polidipsia, caratteristiche modificazioni del tracciato E.C.G., ipertensione arteriosa, turbe vasomotorie.Ipofosfatemia.

04.9 Sovradosaggio - [Vedi Indice]

I sintomi che si possono verificare sono: sete, poliuria, polidipsia, nausea, vomito, disidratazione, ipertensione arteriosa, disturbi vasomotori, costipazione.

In caso di sovradosaggio va interrotta la somministrazione di calcio e va effettuata la reidratazione e, in funzione della gravità dell'intossicazione, viene praticata la somministrazione di diuretici e cortisonici.

Se necessario, effettuare la dialisi peritoneale.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

- [Vedi Indice]

05.1 Proprietà farmacodinamiche - [Vedi Indice]

Il calcio è uno ione indispensabile per il normale svolgimento di numerose attività fisiologiche: esso occupa infatti un ruolo determinante nel mantenimento della integrità funzionale del sistema nervoso, nei meccanismi di contrazione del tessuto muscolare, nei processi di emocoagulazione e nella formazione del tessuto osseo.

Dal punto di vista terapeutico trova impiego soprattutto come sostitutivo negli stati carenziali, che possono derivare da un apporto dietetico inadeguato o da alterazioni metaboliche; anche alcune affezioni gastro-intestinali o renali possono portare ad un ridotto assorbimento o a perdite eccessive.

05.2 Proprietà farmacocinetiche - [Vedi Indice]

Come per tutti gli ioni bivalenti, l'assorbimento del calcio è scarso e la maggior parte dello ione ingerito viene persa nelle feci.

L'assorbimento intestinale del calcio dipende soprattutto dalla concentrazione dello ione medesimo, dal pH, dalla presenza di altre sostanze nell'intestino e dall'efficacia dei sistemi di trasporto della mucosa intestinale.

L'assorbimento risulta ritardato dalla presenza degli anioni che precipitano o legano il calcio (ossalati, solfati, fosfati), dagli acidi grassi e dal pH alcalino. Il calcio viene eliminato attraverso la saliva, la bile, le secrezioni pancreatiche, intestinali ed il sudore. L'eliminazione urinaria è in funzione della filtrazione glomerulare e della quantità riassorbita a livello tubulare.

05.3 Dati preclinici di sicurezza - [Vedi Indice]

Di solito i meccanismi regolatori dell'assorbimento intestinale riescono ad evitare che il calcio somministrato per via orale in dosi eccessive esplichi effetti tossici: si possono tuttavia osservare fenomeni irritativi a carico del tubo digerente.

È da ricordare che il calcio aumenta gli effetti tossici della digitale.

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

- [Vedi Indice]

06.1 Eccipienti - [Vedi Indice]

Acido citrico anidro, ciclamato di sodio, saccarina sodica, aroma arancio, giallo arancio S (E110).

06.2 Incompatibilità - [Vedi Indice]

Non sono segnalati particolari tipi di incompatibilità.

06.3 Periodo di validità - [Vedi Indice]

A confezionamento integro: 3 anni.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - [Vedi Indice]

Richiudere il contenitore con il proprio tappo subito dopo l'uso. Conservare al riparo dall'umidità.

06.5 Natura e contenuto della confezione - [Vedi Indice]

Astuccio di cartone litografato contenente 3 tubi in PVC sigillati con tappo di poliuretano da 10 compresse effervescenti ciascuno, confezionati unitamente al foglio illustrativo

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - [Vedi Indice]

Nessuna particolare.

home

- [Vedi Indice]

SEPI CHIMICA S.r.l

Via Vittorio Grassi, 9 - 00155 Roma

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice]

AIC n. 033818016

09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO - [Vedi Indice]

Medicinale soggetto a prescrizione medica.

10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - [Vedi Indice]

27.01.2000

home

TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
- [Vedi Indice]

-----

12.0 - [Vedi Indice]

00/00/00



Ultimo aggiornamento: 23/10/2012.
carloanibaldi.com - Copyright � 2000-2009. Tutti i diritti riservati.