SIERO ANTIOFIDICO NISM
torna all'INDICE farmaci


Google  CERCA FARMACI NEL SITO

  www.carloanibaldi.com

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE
05.1 Propriet� farmacodinamiche
05.2 Propriet� farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilit�
06.3 Periodo di validit�
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO
10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -[Vedi Indice].

- [Vedi Indice] SIERO ANTIOFIDICO NISM

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - [Vedi Indice].

Una fiala contiene: Antitossine iperdepurate ottenute dal siero di sangue di cavalli iperimmunizzati contro i veleni delle vipere europee (aspis, berus, ammodytes e ursinii), aventi una attivit� neutralizzante 100 DL50 topo/ml di V.
aspis e V.
ammodytes e una attivit� neutralizzante 50 DL50 topo/ml di V.
berus e V.
ursinii.

03.0 FORMA FARMACEUTICA - [Vedi Indice].

Fiala di soluzione iniettabile per uso intramuscolare o sottocutanea.�

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - [Vedi Indice].

04.1 Indicazioni terapeutiche - [Vedi Indice].

Sieroterapia delle tossicosi da veleno delle vipere europee.

04.2 Posologia e modo di somministrazione - [Vedi Indice].

Una o pi� fiale da 10 ml, per via sottocutanea o intramuscolare, da somministrare il pi� tempestivamente possibile.
� opportuno che la somministrazione venga suddivisa iniettando 5 ml di siero in quattro-cinque punti distribuiti su una zona circolare intorno alla morsicatura, e riservando il rimanente della fiala per una inoculazione alla radice dell'arto lesionato.
� inoltre consigliabile una seconda dose di 10 ml da ripetere dopo 1-2 ore e da praticare nei glutei (intramuscolo) o nella regione scapolo-omerale (sottocute).In casi di particolare gravit�, a giudizio e sotto controllo di un medico, possono essere inoculate dosi elevate (fino a 50 ml) per via endovenosa mediante fleboclisi, diluendo il siero con soluzione isotonica di sodio cloruro e adottando tutte le cautele per trattare l'eventuale insorgenza di fenomeni anafilattici.�

04.3 Controindicazioni - [Vedi Indice].

Ipersensibilit� gi� nota verso le proteine equine.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - [Vedi Indice].

� noto che la somministrazione parenterale di un siero di origine animale e cos� pure di antitossine da esso derivate, esige l'adozione di norme precauzionali atte a prevenire od arrestare la comparsa di reazioni di tipo allergico.
� doveroso innanzitutto accertare se il soggetto in trattamento abbia ricevuto in precedenza inoculazioni di sieri o loro derivati proteici appartenenti alla stessa specie animale di quella presente nel prodotto da inoculare e se inoltre abbia gi� reagito ad essi con manifestazioni allergiche.Se possibile, in relazione al rischio di dilazionare l'intervento con il siero Antiofidico nella dose consigliata, � opportuno che il soggetto, prima di essere inoculato, sia sottoposto a prove atte a stabilire se egli � sensibile alle proteine presenti nel prodotto.Prova cutanea Inoculare per via intradermica nella faccia volare dell'avambraccio 0,1 ml del siero diluito 1:100 con soluzione fisiologica.
Nella stessa sede del braccio opposto inoculare come controllo 0,1 ml di soluzione fisiologica.
La prova � positiva se dopo 10-30 minuti si nota la presenza di un ponfo circondato o meno da una zona eritematosa nel punto di inoculazione.
Una reazione negativa non significa che il paziente non possa poi avere delle reazioni con la somministrazione del siero.
La comparsa di una reazione positiva, anche se non � indice di gravit� in riferimento ad una eventuale successiva inoculazione del siero, rappresenta una controindicazione da valutare opportunamente.Prova oftalmica Viene usata quando esistono i presupposti per temere anche con la prova intradermica la comparsa di una grave reazione di tipo allergico.
Si instilla nel sacco congiuntivale una goccia del siero diluito 1:10 con soluzione fisiologica, impiegando quest'ultima da sola come controllo nell'altro occhio.La reazione � positiva se nello spazio di 10-15 minuti compare arrossamento della congiuntiva con lacrimazione e prurito.
In tal caso occorre instillare nel sacco congiuntivale 1-2 gocce di una soluzione 1:1000 di adrenalina.La positivit� della prova oftalmica rappresenta comunque una netta controindicazione all'uso del prodotto che dovr� essere inoculato attuando il trattamento desensibilizzante (vedi sotto) solo nel caso che esso si riveli necessario per salvare la vita del paziente.Desensibilizzazione Questo trattamento � riservato solo ai casi in cui sia necessario inoculare un siero eterologo in un soggetto positivo alle prove di sensibilizzazione.Preparare sterilmente in siringhe separate due diluizioni 1:10 e 1:100 dell'antitossina in soluzione fisiologica.
Tenere a disposizione una siringa con 1 ml di adrenalina 1:1000 e un laccio emostatico.All'inizio inoculare sottocute ad intervalli di 15-30 minuti rispettivamente 0,1 0,2 e 0,5 ml di una diluizione 1:100 del prodotto; ripetere con le stesse quantit� della diluizione 1:10 e infine con l'antitossina non diluita.Se compaiono reazioni in seguito alle inoculazioni mettere il laccio emostatico a monte del punto di inoculazione e trattare con adrenalina 1:1000 (da 0,3 a 1 ml per via sottocutanea); dopo 30 minuti riprendere le inoculazioni di antitossina iniziando con l'ultima dose che non ha dato reazione.Se l'inoculazione di 0,5 ml di antitossina non diluita � tollerata � opportuno procedere ad intervalli di 15 minuti, con uguali dosi fino ad esaurire l'intero dosaggio.

04.5 Interazioni - [Vedi Indice].

Non sono note interazioni con altri medicamenti.

04.6 Gravidanza e allattamento - [Vedi Indice].

Solo in caso di effettiva necessit�.

04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine - [Vedi Indice].

Non sono stati osservati effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine.

04.8 Effetti indesiderati - [Vedi Indice].

Oltre alle manifestazioni allergiche tipiche, che in un soggetto sensibilizzato compaiono immediatamente o a breve termine dopo l'iniezione del prodotto, � possibile l'insorgere della cosiddetta malattia da siero a distanza di 5-13 giorni.Essa si manifesta prevalentemente con una sintomatologia a base di febbre, orticaria e prurito e pu� essere trattata efficacemente con comuni farmaci antistaminici.

04.9 Sovradosaggio - [Vedi Indice].

Non sono noti fenomeni di sovradosaggio.
Comunque, una eventuale assunzione di dosi superiori a quelle consigliate, pu� aumentare la portata dei possibili effetti collaterali descritti.

05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE - [Vedi Indice].

05.1 Propriet� farmacodinamiche - [Vedi Indice].

Categoria farmacoterapeutica: .
Sieri immuni, siero contro il veleno di serpente.Il Siero Antiofidico Nism � un prodotto immunologico atto ad instaurare un'immunit� passiva specifica nei confronti dei veleni delle vipere europee (aspis, berus, ammodytes e ursinii), le cui caratteristiche sono largamente conosciute.
Il prodotto assicura una immediata disponibilit� di anticorpi specifici che permangono per circa due settimane.
Nei soggetti che hanno gi� avuto in precedenza inoculazioni di siero della stessa specie animale, il tempo di permanenza in circolo degli anticorpi somministrati pu� risultare inferiore.

05.2 Propriet� farmacocinetiche - [Vedi Indice].

Non pertinente.�

05.3 Dati preclinici di sicurezza - [Vedi Indice].

Nessuno.

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - [Vedi Indice].

06.1 Eccipienti - [Vedi Indice].

Metacresolo, acqua per preparazioni iniettabili.

06.2 Incompatibilit� - [Vedi Indice].

Nessuna nota.�

06.3 Periodo di validit� - [Vedi Indice].

3 anni a confezione integra e correttamente conservato.Non usare il prodotto dopo la data di scadenza.�

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - [Vedi Indice].

Conservare a temperature comprese tra +2 �C e +8 �C, al riparo dalla luce.Non congelare.
Conservare nella confezione originale.
Dovendo prelevare il prodotto dal frigorifero, anche pi� volte e per tempi non eccessivamente lunghi, in occasione di viaggi, gite, escursioni, ecc., la speciale confezione di pronto intervento ne assicura la protezione contro gli sbalzi termici.
In tal caso, per�, � opportuno, a scopo precauzionale, considerare limitato ad un solo anno il periodo di validit�, tenendo presente che tale periodo di un anno deve comunque essere compreso entro la data di scadenza segnata in etichetta.

06.5 Natura e contenuto della confezione - [Vedi Indice].

Astuccio contenente 1 fiala da 10 ml di soluzione iniettabile per uso intramuscolare o sottocutaneo.

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - [Vedi Indice].

Nessuna�

07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

NUOVO ISTITUTO SIEROTERAPICO MILANESE S.r.l.Localit� ai Conti, 55020 Castelvecchio Pascoli, Barga (Lucca)Concessione di vendita: Farma Biagini S.p.A.
Castelvecchio Pascoli (LU)

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

Fiala da 10 ml AIC n.
004410015�

09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO - [Vedi Indice].

Da vendersi su presentazione di ricetta medica.�

10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - [Vedi Indice].

Rinnovo: giugno 2000.�

11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90 - [Vedi Indice].

Non pertinente.�

12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - [Vedi Indice].

Dicembre 2000

 

home

 


Ultimo aggiornamento: 15/12/2012
carloanibaldi.com - Copyright � 2000-2012 - Anibaldi.it@Network - Tutti i diritti riservati.
[http://www.carloanibaldi.com/terapia/schede/summary.htm]