TRIZINA
torna all'INDICE farmaci


Google  CERCA FARMACI NEL SITO

  www.carloanibaldi.com

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE
05.1 Propriet� farmacodinamiche
05.2 Propriet� farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilit�
06.3 Periodo di validit�
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO
10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -[Vedi Indice].

� - [Vedi Indice] TRIZINA

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - [Vedi Indice].

Una capsula da 500 mg contiene:Principio attivo:Cefatrizina mg 500,00(dosata sotto forma di cefatrizinapropilenglicole solvato mg 582)Eccipienti:Lattosio: mg 30,00Magnesio stearato: mg 15,00Silice colloidale: mg 30,00Un flacone da 100 ml contiene:Principio attivo:Cefatrizina g 5,00(dosata sotto forma dicefatrizina propilenglicole solvato g 5,823)Eccipienti:Saccarosio: g 58,50Aroma arancia: g 0,40Citrato sodico: g 0,05Acido citrico: g 0,16Carbossimetilcellulosa sodica g 0,85Metil p-idrossibenzoato: g 0,15Silice precipitata: g 0,50Acqua depurata q.b.a.: ml 100,00

03.0 FORMA FARMACEUTICA - [Vedi Indice].

Capsule; granulato per sospensione estemporanea.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - [Vedi Indice].

04.1 Indicazioni terapeutiche - [Vedi Indice].

Nel trattamento delle infezioni localizzate agli apparati respiratorio, gastrointestinale ed urogenitale; della cute e dei tessuti molli, causate da microorganismi sensibili.

04.2 Posologia e modo di somministrazione - [Vedi Indice].

La posologia giornaliera media consigliata �:adulti: da 1,5 a 3 g frazionati in 3-4 somministrazioni.bambini: da 30 a 100 mg/kg/die frazionati in 3-4 somministrazioni.La somministrazione � in rapporto alla gravit� della malattia ed al germe in causa.In tutti i pazienti, indipendentemente dall'et� e dal peso, � consigliabile protrarre la terapia per un minimo di 48-72 ore dopo la scomparsa dei sintomi e la negativizzazione delle colture batteriche; non dovranno essere usate dosi inferiori a quelle sopra indicate ed il dosaggio pediatrico non dovr� in alcun modo superare quello consigliato per gli adulti.Sospensione estemporanea: aggiungere l'acqua nel flacone poco alla volta, agitando di volta in volta, fino a raggiungere il livello indicato sull'etichetta.
Agitare sempre prima dell'uso.Il cucchiaino dosatore corrisponde a 5 ml di sospensione pari a 250 mg di cefatrizina.

04.3 Controindicazioni - [Vedi Indice].

Ipersensibilit� verso il farmaco.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - [Vedi Indice].

In caso di marcata insufficienza renale, la posologia delle cefalosporine deve essere opportunamente ridotta sulla base dei risultati delle prove di funzionalit� renale.
L'uso prolungato dell'antibiotico pu� favorire lo sviluppo di microrganismi non sensibili.
In tale evenienza adottare le opportune misure.
Le cefalosporine vanno impiegate con cautela nei soggetti allergici alle penicilline.
Sia a livello clinico che di laboratorio � stata accertata allergenicit� crociata parziale tra penicilline e cefalosporine e, per quanto rari, sono stati segnalati casi di pazienti che hanno presentato reazioni ad entrambi i farmaci, talora anche di tipo anafilattico, specie dopo somministrazione parenterale.Nelle donne in stato di gravidanza e nella primissima infanzia il prodotto va somministrato in caso di effettiva necessit�, sotto il diretto controllo del medico.Sono state segnalate, in corso di trattamento con cefalosporine, positivit� dei test di Coombs (talora false).Il flacone � dotato di un sistema di chiusura di difficile apertura per i bambini (Cir.
Min.
San.
49/84).
Osservare con attenzione le istruzioni.1.
Per aprire il flacone, premere e contemporaneamente svitare il tappo.2.
Per chiudere, premere e contemporaneamente avvitare il tappo.Tenere il medicinale fuori dalla portata dei bambini.

04.5 Interazioni - [Vedi Indice].

L'eventuale uso contemporaneo e ravvicinato di altri farmaci nefrotossici (kanamicina, streptomicina, colistina, viomicina, polixina B, neomicina, gentamicina, etc) aumenta la tossicit� renale e la funzione del rene va assiduamente controllata.
La somministrazione delle cefalosporine pu� interferire con risultati di alcune prove di laboratorio, causando pseudopositivit� della glicosuria con i metodi Benedict, Fehling e "Clinitest", ma non con i metodi enzimatici.
L'eventuale uso contemporaneo e ravvicinato di altri farmaci nefrotossici (kanamicina, streptomicina, colistina, viomicina, polixina B, neomicina, gentamicina, etc) aumenta la tossicit� renale e la funzione del rene va assiduamente controllata.
La somministrazione delle cefalosporine pu� interferire con risultati di alcune prove di laboratorio, causando pseudopositivit� della glicosuria con i metodi Benedict, Fehling e "Clinitest", ma non con i metodi enzimatici.

04.6 Gravidanza e allattamento - [Vedi Indice].

Nelle donne in stato di gravidanza il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessit� sotto il diretto controllo del medico.
Nelle donne in stato di gravidanza il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessit� sotto il diretto controllo del medico.

04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine - [Vedi Indice].

La sostanza non interferisce sulla capacit� di guidare e sull'uso di macchinari.

04.8 Effetti indesiderati - [Vedi Indice].

Gli effetti collaterali che possono comparire nel corso del trattamento con cefalosporine sono per lo pi� di natura gastrointestinale, quali glossite, nausea, vomito, diarrea, pirosi gastrica, dolori addominali.
Pi� raramente sono stati osservati fenomeni di ipersensibilit� quali: eruzioni cutanee, prurito, orticaria ed artralgie.
La possibilit� della comparsa di questi ultimi � maggiore in individui che in precedenza abbiano manifestato reazioni di ipersensibilit� ed in quelli con precedenti anamnestici di allergia, asma, febbre da fieno, orticaria.
Sono stati inoltre segnalati episodi di alterazione di alcuni parametri clinici e di laboratorio (eosinofilia, leucopenia, aumento della transaminasi sierica, della bilirubina totale e dell'azotemia), ma si � trattato di casi sporadici e comunque reversibili.
Va infine tenuta presente la possibilit� di sviluppo di microrganismi non sensibili (vaginiti da Candida).
L'eventuale comparsa di questi fenomeni collaterali richiede l'adozione delle necessarie misure terapeutiche; � quindi opportuno consultare il medico che decider� sull'opportunit� o meno di interrompere il trattamento.
Sono stati segnalati casi di anemia emolitica in seguito a trattamento con cefalosporine.

04.9 Sovradosaggio - [Vedi Indice].

La cefatrizina nell'animale si � dimostrata un farmaco non tossico.
Di conseguenza non dovrebbero insorgere problemi dovuti a sovradosaggio.
Non sono comunque noti, al momento, incidenti acuti con Cefatrizina.

05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE - [Vedi Indice].

05.1 Propriet� farmacodinamiche - [Vedi Indice].

-----

05.2 Propriet� farmacocinetiche - [Vedi Indice].

-----

05.3 Dati preclinici di sicurezza - [Vedi Indice].

-----

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - [Vedi Indice].

06.1 Eccipienti - [Vedi Indice].

Capsule: lattosio, magnesio stearato, silice colloidale.Granulato: saccarosio, aroma arancia, citrato sodico, acido citrico, carbossimetilcellulosa sodica, metil p-idrossibenzoato, silice precipitata.

06.2 Incompatibilit� - [Vedi Indice].

L'eventuale uso contemporaneo e ravvicinato di altri farmaci nefrotossici (Kanamicina, streptomicina, colistina, viomicina, polixima, neomicina, gentamicina, ecc.) aumenta la tossicit� renale e la funzionalit� del rene va assiduamente controllata.

06.3 Periodo di validit� - [Vedi Indice].

Capsule: il prodotto in confezionamento integro si mantiene stabile per 3 anni.Granulato: il prodotto in confezionamento integro si mantiene stabile per 2 anni.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - [Vedi Indice].

Il prodotto deve essere conservato in luogo fresco ed asciutto.
La sospensione pronta all'uso si mantiene stabile per 5 giorni a temperatura ambiente e per 10 giorni in frigorifero (5�C) a flacone ben chiuso.

06.5 Natura e contenuto della confezione - [Vedi Indice].

Capsule: astuccio contenente blister in alluminio e PVC - 8 capsule da g 0,5Granulato: astuccio contenente flacone in vetro ambrato chiuso con ghiera di sicurezza - Flacone da 100 ml al 5%

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - [Vedi Indice].

-----

07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

Francia Farmaceutici Industria Farmaco-Biologica S.r.l., Via dei Pestagalli 7 20138 Milano.

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

Capsule AIC n� 024734016.Granulato per sospensione estemporanea: AIC n� 024734028.

09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO - [Vedi Indice].

-----

10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - [Vedi Indice].

07.07.1982.

11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90 - [Vedi Indice].

-----

12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - [Vedi Indice].

-----

 

home

 


Ultimo aggiornamento: 15/12/2012
carloanibaldi.com - Copyright � 2000-2012 - Anibaldi.it@Network - Tutti i diritti riservati.
[http://www.carloanibaldi.com/terapia/schede/summary.htm]