ZADITEN SCIR
torna all'INDICE farmaci


Google  CERCA FARMACI NEL SITO

  www.carloanibaldi.com

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE
05.1 Propriet� farmacodinamiche
05.2 Propriet� farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilit�
06.3 Periodo di validit�
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO
10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -[Vedi Indice].

� - [Vedi Indice] ZADITEN 0,2 mg/ml sciroppo

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - [Vedi Indice].

1 ml di sciroppo contiene:Principio attivo: chetotifene fumarato acido 0,276 mg (pari a 0,2 mg di base)

03.0 FORMA FARMACEUTICA - [Vedi Indice].

Sciroppo

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - [Vedi Indice].

04.1 Indicazioni terapeutiche - [Vedi Indice].

Trattamento profilattico di:- asma bronchiale (incluse le forme miste),- bronchite allergica,- sintomi asmatici legati al raffreddore da fieno.Trattamento di dermatosi allergiche e dermatite atopica.

04.2 Posologia e modo di somministrazione - [Vedi Indice].

Per la somministrazione avvalersi dell�apposito cucchiaio dosatore incluso nella confezione.Adulti:5 ml di sciroppo (pari a 1 mg) due volte al giorno (mattino e sera) ai pasti.Se necessario somministrare 10 ml di sciroppo (pari a 2 mg) due volte al giorno (mattino e sera).Bambini:da 6 mesi a 3 anni: 2,5 ml di sciroppo (pari a 0,5 mg) due volte al giorno.oltre i 3 anni: 5 ml di sciroppo (pari a 1 mg) due volte al giorno.

04.3 Controindicazioni - [Vedi Indice].

Ipersensibilit� individuale accertata verso il chetotifene o qualsiasi altro componente la formulazione.
Generalmente controindicato in gravidanza e allattamento (Vedi al 4.6).

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - [Vedi Indice].

ZADITEN non agisce sulla crisi asmatica in atto.All'inizio del trattamento a lungo termine con ZADITEN, i farmaci precedentemente usati non devono essere interrotti bruscamente.
Questa precauzione vale soprattutto per i corticosteroidi.
E' infatti noto che la brusca sospensione di tali farmaci in pazienti steroido-dipendenti pu� determinare la comparsa di insufficienza surrenale, dato che il ripristino di una normale funzionalit� dell'asse ipofisi-surrene pu� richiedere fino ad un anno.Nella prevenzione dell'asma bronchiale potrebbero essere necessarie parecchie settimane di trattamento prima di raggiungere l'effetto terapeutico completo.
E' perci� raccomandato che, per pazienti che non rispondono adeguatamente entro alcune settimane, il trattamento con ZADITEN sia mantenuto per un minimo di 2-3 mesi.
Se � necessaria l'interruzione del trattamento con ZADITEN, questa deve essere effettuata progressivamente per un periodo di 2-4 settimane.
I sintomi dell'asma possono ricomparire.

04.5 Interazioni - [Vedi Indice].

ZADITEN pu� potenziare gli effetti dei sedativi, degli antistaminici e dell'alcool.In pazienti diabetici che assumono ZADITEN in concomitanza con farmaci antidiabetici orali si pu� verificare, in rari casi, una trombocitopenia reversibile.
Si raccomanda, perci�, il controllo della conta trombocitopenica.ZADITEN aumenta la potenza dei broncodilatatori e pertanto occorre ridurre la frequenza d'uso di questi ultimi, qualora siano somministrati contemporaneamente a ZADITEN.

04.6 Gravidanza e allattamento - [Vedi Indice].

Sebbene negli animali il chetotifene sia risultato privo di effetti sulla gravidanza e sullo sviluppo peri- e post- natale ai dosaggi risultati ben tollerati dalle madri, nell'uomo la sua sicurezza d'uso in gravidanza non � stata stabilita.
Perci� ZADITEN deve essere usato in gravidanza solo in caso di effettiva necessit�.Il chetotifene � escreto nel latte materno; perci� ZADITEN non deve essere assunto dalla donne che allattano.

04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine - [Vedi Indice].

Nei primi giorni di trattamento con ZADITEN, la prontezza di riflessi dei pazienti pu� risultare diminuita per cui occorre prudenza nella guida di veicoli o nella manovra di macchinari.

04.8 Effetti indesiderati - [Vedi Indice].

All'inizio del trattamento si pu� osservare talvolta sedazione e, in casi isolati, secchezza della bocca o leggere vertigini che per lo pi� scompaiono spontaneamente dopo alcuni giorni di trattamento.Sono stati segnalati casi isolati di sindrome di Steven-Johnson, con una frequenza di 1 caso su 2 milioni di pazienti esposti a ZADITEN.

04.9 Sovradosaggio - [Vedi Indice].

L'ingestione accidentale o volontaria di un farmaco a dosaggi di molto superiori a quelli consigliati nel paragrafo 4.2 "Posologia e modalit� di somministrazione" si definisce sovradosaggio.Nel caso di ZADITEN sintomi e trattamento vengono descritti qui di seguito.Sintomi: i sintomi principali di un sovradosaggio acuto comprendono: sonnolenza, fino a grave sedazione; confusione e disorientamento; tachicardia e ipotensione; ipereccitabilit� o convulsioni, soprattutto nei bambini; coma reversibile.Trattamento: il trattamento deve essere sintomatico.
Se il farmaco � stato assunto da poco, si deve favorire lo svuotamento dello stomaco.
Pu� essere utile la somministrazione di carbone attivato.
Se necessario, effettuare un trattamento sintomatico e il monitoraggio del sistema cardiocircolatorio.
Se sono presenti eccitazione o convulsioni, somministrare barbiturici a breve durata d'azione o benzodiazepine.

05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE - [Vedi Indice].

05.1 Propriet� farmacodinamiche - [Vedi Indice].

Il chetotifene � un farmaco anti-asmatico non-broncodilatatore, in grado di inibire gli effetti di sostanze endogene mediatrici dell'infiammazione e inoltre esercita un'attivit� antiallergica.Il meccanismo dell'azione antiasmatica del chetotifene si avvale di diverse propriet�:- inibizione del rilascio di mediatori allergici come l'istamina e i leucotrieni;- soppressione dell'attivazione immunologica degli eosinofili e del loro flusso nella sede dell'infiammazione;- inibizione dello sviluppo dell'iperattivit� bronchiale associata ad una attivazione delle piastrine tramite il PAF (Platelet Activating Factor) o all'esposizione ad allergeni.L'azione antiallergica del chetotifene � completata da un'azione antistaminica per inibizione non competitiva dei recettori dell'istamina di tipo H1.
Pertanto, ZADITEN pu� essere utilizzato in sostituzione dei classici antagonisti dei recettori dell'istamina (H1).

05.2 Propriet� farmacocinetiche - [Vedi Indice].

Dopo somministrazione orale l'assorbimento del chetotifene � praticamente completo.
La biodisponibilit� � di circa il 50% a causa di un effetto di primo passaggio nel fegato di circa il 50%.
Le concentrazioni plasmatiche massime (Cmax) sono raggiunte in 2-4 ore.
Il legame proteico � del 75%.L'eliminazione del chetotifene � bifasica, con una emivita breve di 3-5 ore e una pi� lunga di circa 21 ore.Circa l'1% della sostanza immodificata e il 60-70% come metaboliti sono escreti entro 48 ore nelle urine.
Il chetotifene-N-glucuronide, il principale metabolita, � praticamente inattivo.Il metabolismo nei bambini � lo stesso di quello degli adulti, ma la clearance dall'organismo � maggiore nei primi.
I bambini di et� superiore ai 3 anni richiedono perci� il medesimo regime posologico giornaliero degli adulti.La biodisponibilit� del chetotifene non � influenzata dall'assunzione di cibo.

05.3 Dati preclinici di sicurezza - [Vedi Indice].

Tossicit� acutaNegli studi di tossicit� acuta del chetotifene nel topo, ratto e coniglio la DL50 per somministrazione orale � risultata > 300 mg/kg e compresa tra 5 e 20 mg/kg dopo somministrazione e.v..
Gli eventi avversi indotti in seguito a sovradosaggio sono stati dispnea ed eccitazione motoria seguite da spasmi e sonnolenza.
I sintomi tossici si manifestano rapidamente e scompaiono entro qualche ora; non c'� alcuna evidenza di effetti cumulativi o ritardati.MutagenesiIl chetotifene e/o i suoi metaboliti sono risultati privi di potenziale genotossico in vitro, come dimostrato nel test di mutazione genica nella salmonella typhimurium, nel test dell'aberrazione cromosomica nelle cellule di hamster cinese V79, o nel test di riparazione del DNA nelle colture di epatociti di ratto.
Nessuna attivit� clastogenica � stata osservata in vivo (analisi citogenica delle cellule di midollo osseo nell'hamster cinese, test del micronucleo nel topo).
Allo stesso modo, nessun effetto mutageno � stato evidenziato nelle cellule germinali di topo maschio nel test del dominante letale.CancerogenesiNei ratti trattati in modo continuativo con la dieta per 24 mesi, la massima dose tollerata di 71 mg/kg/die di chetotifene non ha dimostrato alcun potenziale carcinogenico.
Nessuna evidenza di effetti tumorigeni si � verificata nel topo trattato fino a 88 mg/kg per 74 settimane.Tossicit� riproduttivaNessun potenziale embriotossico o teratogeno dovuto a chetotifene si � manifestato nel ratto o nel coniglio.
Nel ratto maschio trattato per 10 settimane (durata maggiore di un ciclo spermatogenico completo) prima dell'accoppiamento, la dose tollerata di 10 mg/kg/die non ha influenzato la fertilit�.Nel ratto femmina la fertilit�, lo sviluppo prenatale, la gravidanza, l'allattamento della nidiata non sono stati influenzati dal trattamento con chetotifene a dosi orali fino a 50 mg/kg/die, sebbene una tossicit� non specifica per le femmine gravide sia stata osservata a dosi > 10 mg/kg.
Solo a queste dosi si sono riscontrate diminuzioni nella sopravvivenza di nati e nell'incremento del peso corporeo durante i primi giorni dello sviluppo post-natale alla dose pi� alta di 50 mg/kg/die.Nessuna reazione avversa imputabile al trattamento � stata osservata nella fase perinatale.

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - [Vedi Indice].

06.1 Eccipienti - [Vedi Indice].

Aroma fragola, sodio propile paraidrossibenzoato, sodio metile paraidrossibenzoato, acido citrico anidro, sodio fosfato bibasico anidro, maltitolo liquido, acqua depurata.

06.2 Incompatibilit� - [Vedi Indice].

Nessuna.

06.3 Periodo di validit� - [Vedi Indice].

36 mesi

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - [Vedi Indice].

Non conservare al di sopra di 30�C

06.5 Natura e contenuto della confezione - [Vedi Indice].

Flacone di vetro contenente: 200 ml sciroppo; cucchiaio dosatore.

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - [Vedi Indice].

Nessuna.

07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

Novartis Farma S.p.A.S.S.
233 (Varesina) Km 20,5 - 21040 Origgio (VA)

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

A.I.C.
n.
024574030

09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO - [Vedi Indice].

-----

10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - [Vedi Indice].

Prima autorizzazione: 04.02.1982Rinnovo: 01.06.2000

11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90 - [Vedi Indice].

-----

12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - [Vedi Indice].

Marzo 2001

 

home

 


Ultimo aggiornamento: 15/12/2012
carloanibaldi.com - Copyright � 2000-2012 - Anibaldi.it@Network - Tutti i diritti riservati.
[http://www.carloanibaldi.com/terapia/schede/summary.htm]