ZAVEDOS iniettabile
torna all'INDICE farmaci


Google  CERCA FARMACI NEL SITO

  www.carloanibaldi.com

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE
02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA
03.0 FORMA FARMACEUTICA
04.0 INFORMAZIONI CLINICHE
04.1 Indicazioni terapeutiche
04.2 Posologia e modo di somministrazione
04.3 Controindicazioni
04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso
04.5 Interazioni
04.6 Gravidanza e allattamento
04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine
04.8 Effetti indesiderati
04.9 Sovradosaggio
05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE
05.1 Propriet� farmacodinamiche
05.2 Propriet� farmacocinetiche
05.3 Dati preclinici di sicurezza
06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE
06.1 Eccipienti
06.2 Incompatibilit�
06.3 Periodo di validit�
06.4 Speciali precauzioni per la conservazione
06.5 Natura e contenuto della confezione
06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione
07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO
09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO
10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE
11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90
12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -[Vedi Indice].

ZAVEDOS

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - [Vedi Indice].

ZAVEDOS 5 mg/5 ml Polvere e Solvente per Soluzione Iniettabile: Ogni flaconcino di polvere contiene: idarubicina cloridrato 5 mg.
ZAVEDOS 10 mg Polvere per Soluzione Iniettabile: Ogni flaconcino di polvere contiene: idarubicina cloridrato 10 mg ZAVEDOS 5 mg/5ml Soluzione Iniettabile: Ogni flaconcino contiene: idarubicina cloridrato 5 mg. ZAVEDOS 10 mg/10ml Soluzione Iniettabile: Ogni flaconcino contiene: idarubicina cloridrato 10 mg.

03.0 FORMA FARMACEUTICA - [Vedi Indice].

Polvere e Solvente per Soluzione Iniettabile.
Polvere per Soluzione Iniettabile. Soluzione Iniettabile.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - [Vedi Indice].

04.1 Indicazioni terapeutiche - [Vedi Indice].

Agente antimitotico e citotossico.
Leucemia acuta non-linfocitica (LANL) nell'adulto.
L'idarubicina � in grado di indurre remissione sia come terapia di prima linea che in pazienti recidivanti o refrattari. Leucemia acuta linfocitica (LAL) nell'adulto e nel bambino come trattamento di seconda linea.

04.2 Posologia e modo di somministrazione - [Vedi Indice].

Leucemia acuta non-linfocitica (LANL): Nella LANL dell'adulto, la dose di Zavedos consigliata � di 12 mg/m� e.v.
al giorno per 3 giorni in un regime di combinazione con citarabina. Un altro schema di dosaggio utilizzato nella LANL in monoterapia ed in combinazione, � di 8 mg/m� e.v.
al giorno per 5 giorni. Leucemia acuta linfocitica (LAL): Come agente singolo nella LAL la dose suggerita negli adulti � di 12 mg/m� e.v.
al giorno per 3 giorni e nei bambini � di 10 mg/m� e.v.
al giorno per 3 giorni. E' necessario comunque adattare gli schemi posologici suggeriti alle condizioni ematologiche del paziente e, in regime di combinazione, ai dosaggi degli altri farmaci citotossici. Solitamente la dose viene calcolata in base alla superficie corporea. Zavedos deve essere somministrato solo per via endovenosa. E' opportuno eseguire la somministrazione endovenosa sia della soluzione ricostituita che della soluzione pronta nell'arco di 5.10 minuti attraverso il tubolare di una fleboclisi di soluzione fisiologica in corso, dopo essersi accertati che l'ago sia perfettamente in vena.
Questa tecnica riduce il pericolo di trombosi o di stravaso perivenoso, evento che pu� condurre a grave cellulite e necrosi. Una sclerosi venosa pu� essere osservata quando l'iniezione sia eseguita in piccoli vasi o venga ripetuta nella stessa vena.

04.3 Controindicazioni - [Vedi Indice].

La terapia con Zavedos non dovrebbe essere instaurata in pazienti con gravi danni epatici e renali o in pazienti con infezioni non controllate.
Si veda anche punto 4.6 Gravidanza e allattamento.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - [Vedi Indice].

Zavedos deve essere usato sotto la direzione di persone esperte nella chemioterapia della leucemia. Il farmaco non dovrebbe essere somministrato a pazienti con preesistente depressione del midollo osseo indotta da precedente terapia farmacologica o da radioterapia, a meno che i benefici giustifichino i rischi.
Malattie cardiache preesistenti e precedente terapia con antracicline ad elevato dosaggio cumulativo, o con altri agenti potenzialmente cardiotossici sono cofattori che aumentano il rischio della tossicit� cardiaca indotta dalla idarubicina, ed in tali pazienti, prima di cominciare il trattamento con Zavedos, dovrebbe essere soppesato il beneficio in rapporto al rischio della terapia con idarubicina. Come la maggior parte degli agenti citotossici, l'idarubicina possiede propriet� mutagena ed � cancerogena nel ratto. Midollo osseo: Zavedos inibisce fortemente l'attivit� del midollo osseo.
La mielodepressione si manifesta ai dosaggi terapeutici in tutti i pazienti, a carico soprattutto dei globuli bianchi. E' pertanto necessario un attento monitoraggio ematologico, che comprende i granulociti, i globuli rossi e le piastrine.
Pi� in generale dovranno essere accessibili indagini di laboratorio atte a tenere sotto controllo la tollerabilit� del farmaco e si dovr� disporre delle misure di supporto in grado di mantenere sotto protezione un paziente compromesso dagli eventuali effetti tossici del farmaco.
In caso di un grave stato emorragico e/o di una grave infezione dovr� essere possibile intervenire con prontezza ed efficacia. Cardiotossicit�: Effetti tossici sul miocardio, rappresentati da insufficienza cardiaca congestizia potenzialmente fatale, aritmie acute minacciose per la vita o altre cardiomiopatie, possono comparire durante la terapia o alcune settimane dopo il termine della terapia.
In questi casi sono indicati un trattamento con digitale, diuretici, riduzione di sodio e riposo a letto. La funzione cardiaca dovrebbe essere attentamente monitorata durante il trattamento, allo scopo di minimizzare i rischi della tossicit� cardiaca del tipo descritto per altre antracicline.
Il rischio di tale tossicit� miocardica pu� elevarsi in seguito ad una concomitante o precedente irradiazione dell'area mediastinica pericardica o a un trattamento con altri agenti potenzialmente cardiotossici oppure in pazienti con una particolare situazione clinica secondaria alla loro malattia (anemia, depressione del midollo osseo, infezioni, pericardite e/o miocardite leucemica). Sebbene non esista alcun metodo attendibile per prevedere la comparsa di un'insufficienza cardiaca congestizia acuta, la cardiomiopatia indotta dalle antracicline si accompagna solitamente con una persistente riduzione di voltaggio dell'onda QRS, un aumento oltre i limiti normali del tempo d'intervallo sistolico (PEP/LVET) e una diminuzione della frazione di eiezione del ventricolo sinistro (LVEF) dai valori di base pretrattamento. Durante il trattamento con Zavedos e prima di iniziare la terapia dovrebbero essere attuati un elettrocardiogramma o un'ecocardiografia ed una determinazione della frazione d'eiezione ventricolare sinistra. Una diagnosi clinica precoce di cardiomiopatia indotta � importante per il successo del trattamento farmacologico della stessa. Valutazione delle funzionalit� epatica e renale: Dato che una compromissione della funzionalit� epatica o renale pu� ostacolare l'eliminazione dell'idarubicina, la funzionalit� del rene e del fegato dovrebbe essere valutata mediante indagini chimico-cliniche di routine, prima e durante il trattamento (usando come indicatori la bilirubinemia e la creatininemia). In alcuni studi clinici di fase III, se i livelli sierici di bilirubina e/o di creatinina eccedevano i 2 mg/100 ml, il trattamento con idarubicina � stato sospeso.
Con altre antracicline, in presenza di livelli di bilirubina e creatinina di 1,2.2,0 mg/100 ml, la dose viene generalmente ridotta del 50%. La terapia con Zavedos richiede una stretta sorveglianza del paziente ed un monitoraggio di laboratorio. Si raccomanda che i pazienti anziani, durante il periodo di aplasia, vengano sottoposti ad energica terapia di supporto. Zavedos pu� indurre un'iperuricemia secondaria a rapida lisi delle cellule leucemiche.
Si raccomanda quindi un attento monitoraggio dell'uricemia e l'istituzione di un trattamento adeguato in caso di un suo aumento. Prima dell'inizio della terapia si dovranno prendere misure appropriate per controllare eventuali infezioni sistemiche. Lo stravaso di Zavedos in sede di iniezione endovenosa pu� causare una grave necrosi dei tessuti locali.
Il rischio di tromboflebiti nella zona dell'iniezione pu� essere minimizzato seguendo la procedura raccomandata per la somministrazione. Una sensazione di bruciore nella zona di somministrazione indica un lieve grado di stravaso. In questo caso si consiglia di interrompere l'infusione e di iniziarla in un'altra vena. Si raccomanda di seguire le seguenti misure di sicurezza, valide per tutti gli agenti antineoplastici: il personale dovrebbe essere addestrato nella buona tecnica di ricostituzione e di manipolazione; il personale in stato di gravidanza deve essere escluso da tali compiti; il personale che manipola il farmaco dovrebbe vestire indumenti protettivi: occhiali, camici, maschere e guanti "usa e getta"; andrebbe individuata una zona specifica dove ricostituire il farmaco (preferibilmente dotata di un sistema a flusso laminare verticale); la superficie di lavoro andrebbe protetta con una carta assorbente, col fondo plastificato. tutti gli articoli usati per la ricostituzione, la somministrazione e la pulizia, inclusi i guanti, dovrebbero essere posti in sacchi a perdere per rifiuti ad alto rischio, per l'incenerimento ad elevate temperature; in caso di contatto accidentale del farmaco con la cute o con gli occhi, detergere immediatamente con abbondante acqua, acqua e sapone o con una soluzione di sodio bicarbonato e richiedere assistenza medica; perdite o fuoriuscite accidentali del farmaco vanno eliminate con soluzione di sodio ipoclorito (all'1%), e successivamente con acqua; i materiali per la pulizia devono essere eliminati come precedentemente indicato.

04.5 Interazioni - [Vedi Indice].

Zavedos � un potente mielodepressore; � presumibile pertanto che i regimi chemioterapici combinati che contengono altri agenti dotati di azione simile diano luogo a una pi� accentuata depressione midollare.

04.6 Gravidanza e allattamento - [Vedi Indice].

Non vi sono attualmente informazioni adeguate circa una possibile influenza del farmaco sulla fertilit� maschile e femminile, o su una sua azione teratogena nell'uomo, tuttavia, nel ratto (ma non nel coniglio) esso � teratogeno ed embriotossico.
Alle donne fertili si dovr� consigliare di adottare misure contraccettive. Dovendo usare Zavedos in gravidanza o nel caso che una paziente diventi gravida in corso di trattamento, occorrer� informare la donna dei potenziali rischi per il feto. Pertanto l'impiego del farmaco in queste condizioni deve essere oggetto di una adesione congiunta del medico e della paziente. Si avvertano le madri di non allattare in corso di trattamento.

04.7 Effetti sulla capacit� di guidare veicoli e sull'uso di macchine - [Vedi Indice].

Non sono note interferenze sulla capacit� di guida e sull'uso di macchine.

04.8 Effetti indesiderati - [Vedi Indice].

Grave mielodepressione e cardiotossicit� cardiaca sono i due effetti indesiderati pi� importanti. Altre reazioni avverse sono: alopecia reversibile nella maggior parte dei pazienti; nausea e vomito acuto; mucosite, che solitamente interessa il cavo orale e compare 3.10 giorni dopo l'inizio del trattamento; esofagite e diarrea; febbre, brividi, eruzione cutanea; aumento degli enzimi epatici e della bilirubina in circa il 20% - 30% dei casi.
Infezioni gravi e talvolta fatali sono state messe in rapporto con l'impiego dell'idarubicina sola o in combinazione con citarabina. L'idarubicina pu� impartire un colore rosso alle urine per 1.2 giorni dopo la somministrazione: si deve avvertire il paziente che il fenomeno non deve destare preoccupazione.

04.9 Sovradosaggio - [Vedi Indice].

Dosi molto elevate di idarubicina provocano spesso una tossicit� miocardica entro 24 ore ed una grave mielodepressione entro una o due settimane.
In questi casi va instaurato un trattamento di supporto che preveda trasfusioni sanguigne e l'isolamento del paziente.
Insufficienze cardiache tardive sono state segnalate fino a parecchi mesi dopo il sovradosaggio con antracicline.
I pazienti dovranno essere sorvegliati attentamente e se dovessero insorgere segni di insufficienza cardiaca, dovrebbero essere trattati secondo i modelli convenzionali.

05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE - [Vedi Indice].

05.1 Propriet� farmacodinamiche - [Vedi Indice].

L'idarubicina � un'antraciclina DNA intercalante che interagisce con l'enzima topoisomerasi II ed ha un effetto inibitorio sulla sintesi dell'acido nucleico. La modificazione in posizione 4 della struttura dell'antraciclina fornisce al composto una elevata lipofilia con conseguente aumento della penetrazione all'interno della cellula rispetto alla doxorubicina e alla daunorubicina. L'idarubicina ha dimostrato di possedere una maggior potenza rispetto alla daunorubicina e di essere un agente efficace contro la leucemia ed il linfoma murino sia per via endovenosa che per via orale.
Studi in vitro su cellule murine ed umane antraciclino-resistenti hanno dimostrato per l'idarubicina un grado minore di resistenza crociata rispetto alla doxorubicina e alla daunorubicina.
Studi di cardiotossicit� negli animali hanno indicato che l'idarubicina possiede un indice terapeutico migliore della doxorubicina e della daunorubicina.
Anche il metabolita principale, l'idarubicinolo, ha dimostrato, in vitro ed in vivo, un'attivit� antitumorale in modelli sperimentali.
Nel ratto, l'idarubicinolo, somministrato alle stesse dosi del farmaco da cui deriva, � chiaramente meno cardiotossico dell'idarubicina.

05.2 Propriet� farmacocinetiche - [Vedi Indice].

Dopo somministrazione per via endovenosa, in pazienti con funzionalit� epatica e renale normale, l'idarubicina viene eliminata dalla circolazione sistemica con un'emivita plasmatica terminale di 11.
25 ore. Il farmaco viene convertito per la maggior parte in un metabolita attivo, l'idarubicinolo, che � lentamente eliminato con emivita plasmatica di 41.69 ore. Il farmaco viene eliminato tramite escrezione biliare e renale, per lo pi� sotto forma di idarubicinolo. Studi sulla concentrazione del farmaco nelle cellule (cellule nucleate del sangue e cellule midollari) di pazienti leucemici hanno mostrato che il picco della concentrazione cellulare per l'idarubicina � raggiunto in pochi minuti.
Le concentrazioni di idarubicina e di idarubicinolo nelle cellule nucleate del sangue e nelle cellule del midollo osseo, sono pi� di cento volte superiori alle concentrazioni plasmatiche.
Le velocit� di eliminazione dal plasma e dalle cellule sono quasi identiche, con un tempo di dimezzamento terminale di circa 15 ore.
L'emivita terminale dell'idarubicinolo � di 72 ore.

05.3 Dati preclinici di sicurezza - [Vedi Indice].

Dopo somministrazione e.v.
di idarubicina nel topo, il valore della DL50 � di 4,4 mg/kg nel topo, di 2,9 mg/kg nel ratto e di 1,0 mg/kg nel cane.
I principali organi bersaglio dopo somministrazione di una singola dose sono stati il sistema emolinfopoietico e, in particolare nel cane, il tratto gastrointestinale. I principali organi bersaglio, dopo somministrazione ripetuta di idarubicina per via e.v.
nel ratto e nel cane, sono stati il sistema emolinfopoietico, il tratto gastrointestinale, il rene, il fegato e l'apparato riproduttivo maschile e femminile. Studi di cardiotossicit� acuta e subacuta hanno evidenziato che idarubicina, somministrata per via e.v., solo a dosi letali � moderatamente cardiotossica mentre somministrazioni e.v.
di doxorubicina e di daunorubicina anche a dosi non letali, provocano un evidente danno miocardico. Idarubicina � risultata genotossica nella maggior parte dei test eseguiti sia in vitro che in vivo.
E' risultata inoltre tossica sugli organi della riproduzione, embriotossica e teratogena nel ratto.
Non sono stati segnalati effetti di rilievo sulle madri e nella loro prole nei ratti dopo somministrazione e.v.
di idarubicina fino a dosi di 0,2 mg/kg/die nel periodo peri e postnatale. Non � noto se il farmaco viene escreto nel latte materno.
Idarubicina per via e.v., come altre antracicline e farmaci citotossici, si � dimostrata cancerogena nel ratto. Uno studio di tollerabilit� locale condotto nel cane ha mostrato che lo stravaso del farmaco causa necrosi tissutale.

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - [Vedi Indice].

06.1 Eccipienti - [Vedi Indice].

ZAVEDOS 5 mg/5 ml Polvere e Solvente per Soluzione Iniettabile: lattosio.
La fiala solvente da 5 ml contiene: acqua p.p.i.; ZAVEDOS 10 mg Polvere per Soluzioni Iniettabile: lattosio; ZAVEDOS 5 mg/5ml Soluzione Iniettabile: glicerolo, acido cloridrico, acqua p.p.i.; ZAVEDOS 10 mg/10ml Soluzione Iniettabile: glicerolo, acido cloridrico, acqua p.p.i.:

06.2 Incompatibilit� - [Vedi Indice].

Zavedos non va mescolato con eparina in quanto ne potrebbe derivare la formazione di un precipitato. E' inoltre sconsigliabile mescolare Zavedos con altri farmaci. Va evitato il contatto prolungato con una qualsiasi soluzione a pH alcalino, in quanto ci� darebbe luogo alla degradazione del farmaco.

06.3 Periodo di validit� - [Vedi Indice].

ZAVEDOS 5 mg/5 ml Polvere e Solvente per Soluzione Iniettabile: 3 anni ZAVEDOS 10 mg Polvere per soluzione iniettabile: 3 anni La soluzione ricostituita � chimicamente stabile per 48 ore se conservata alla temperatura di + 2�/+ 8�C e per 24 ore se tenuta a temperatura ambiente.
Si raccomanda tuttavia che, la soluzione non venga conservata per pi� di 24 ore a +2�/+ 8�C.
La parte di soluzione non utilizzata va eliminata. ZAVEDOS 5 mg/5ml Soluzione Iniettabile e ZAVEDOS 10 mg/10ml Soluzione Iniettabile: 2 anni.
Conservare in frigorifero ad una temperatura tra +2�/+8�C.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - [Vedi Indice].

Vedi punto 6.3 Validit�.

06.5 Natura e contenuto della confezione - [Vedi Indice].

Flacone in vetro con tappo in gomma e ghiera in alluminio.
Fiala in vetro neutro. 1 Flaconcino da 5 mg di Polvere per Soluzione Iniettabile + 1 fiala solvente da 5 ml. 1 Flaconcino da 10 mg di Polvere per Soluzione Iniettabile. 1 Flaconcino da 5 mg/5 ml di Soluzione Iniettabile. 1 Falconcino da 10 mg/10 ml di Soluzione Iniettabile.

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - [Vedi Indice].

Nella formulazione in polvere il contenuto del flacone � a pressione negativa per evitare la formazione di aerosol durante la ricostituzione; deve essere esercitata particolare cautela nell'inserimento dell'ago nel flacone.
Evitare l'inalazione dell'aerosol eventualmente prodottosi durante la ricostituzione. Per preparare la soluzione da iniettare, il contenuto del flacone di Zavedos Polvere per Soluzione Iniettabile va disciolto in acqua per preparazioni iniettabili.
Le quantit� di diluente da usare sono : 5 ml per il flacone da 5 mg e 10 ml per quello da 10 mg. Zavedos deve essere somministrato solo per via endovenosa.
Vedi punto 4.2 Posologia e modo di somministrazione.

07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

Pharmacia Italia S.p.A.
- Milano.

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - [Vedi Indice].

ZAVEDOS 5 mg/5 ml Polvere e Solvente per Soluzione Iniettabile: AIC 027441017 ZAVEDOS 10 mg Polvere per Soluzione Iniettabile: AIC 027441029 ZAVEDOS 5 mg/5ml Soluzione Iniettabile: AIC 027441068 ZAVEDOS 10 mg/10ml Soluzione Iniettabile: AIC 027441070

09.0 REGIME DI DISPENSAZIONE AL PUBBLICO - [Vedi Indice].

10.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - [Vedi Indice].

ZAVEDOS 5 mg/5 ml Polvere e Solvente per Soluzione Iniettabile; 10 mg Polvere per Soluzione Iniettabile: 31 maggio 2005 ZAVEDOS 5 mg/5ml e 10 mg/10ml Soluzione Iniettabile: 31 maggio 2005

11.0 TABELLA DI APPARTENENZA DPR 309/90 - [Vedi Indice].

12.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - [Vedi Indice].

01/07/2003

 

home

 


Ultimo aggiornamento: 15/12/2012
carloanibaldi.com - Copyright � 2000-2012 - Anibaldi.it@Network - Tutti i diritti riservati.
[http://www.carloanibaldi.com/terapia/schede/summary.htm]